Belotti non sarà mai come Cruyff
23/12/2016, 10:15
di Giampiero Timossi
È stata una serata terribile. Ho visto calciatori che rischiavano di perdere un piede, altri una gamba, chi un occhio, chi due. Ho visto scene da film horror, a tre giorni dal  Santo Natale. Per fortuna, come nella trama di un film horror, era tutta una finzione. Ho passato il giovedì sera a guardare in tv quel che offriva il campionato, passando da un canale all'altro, registrando più gol che emozioni. Una cosa però mi ha colpito più delle altre, più del solito: l'insostenibile insistenza della simulazione. Le immagini televisive mostravano una realtà fastidiosa, anzi no, irritante, come le punture notturne di uno sciame di zanzare. Basta un colpetto e il calciatore cade a terra, tarantola. Ne ho cantati 29 di simulazioni, più o meno sceneggiate. Ventinove, in quattro partite. E non uno che sia uscito definitivamente dal campo. Non uno che, grazie al cielo, sia stato costretto a uscire per infortunio. Quel che mostra l'occhio indiscreto dell'alta definizione è qualcosa di discretamente morboso. Sembrano tutti trafitti da lance come i neocristiani Marco e Marcelliano, lapidati come Tranquillino, sospesi per i capelli a un albero e arrostiti come  Zoe, trafitti da frecce come San Sebastiano.  Poi basta guardarli meglio,a terra, mentre continuano a dimenarsi e sbirciano le mosse dell'arbitro per capire che decisione prenderà. Quindi si rialzano, come niente fosse, perché quasi niente è davvero accaduto. 

Uno, in particolare, mi ha irritato: Andrea Belotti, già 13 gol in questo campionato, ottimo attaccante, detto il Gallo nel pollaio del calcio italiano. Lui segna una gran rete anche al Genoa, fa una discreta sceneggiata, dalla quale si riprende qualche istante dopo. E quindi si cimenta in un pezzo molto di moda tra gli attaccanti di serie A: cercare in area il piede del difensore avversario, scivolare verso il contrasto, per poi saltare in area come un birillo. L'arbitro non abbocca, giallo al simulatore. Bravo arbitro.  Ora non mi dilungherò sulla bellezza della Premier inglese, calcio e cazzotti, dove un simulatore viene messo al bando. Non sottolineerò il magnifico coraggio di pugili o piloti. Mi piacerebbe però che la "moviola in campo" e tutto il resto servissero per smascherare e punire questi insopportabili cascatori, la loro abitudine all'esagerazione, un'altra perfida deriva di questo magnifico sport di squadra. Non ce l'ho con il Gallo, ma dopo la serata di calcio in tv, ho rivisto Le 24 ore di Le Mans, protagonista Steve McQueen: c'è molto più realtà in certi film che in certe partite, più lealtà in molti attori che in alcuni calciatori.

Infine ho ripensato alla biografia di Johan Cruyff, scritta da Federico Buffa e Carlo Pizzigoni.  Non leggo spesso biografie su personaggi dello sport, ho fatto un'eccezione e sono molto felice di aver infranto la regola: è un gran libro. Cruyff dovevi abbatterlo per farlo cadere a terra, era cresciuto giocando sul pavé, cadere su pietre e porfido non conviene. Meglio far impazzire e saltare gli avversari. Anche per questo (e per molto altro) Cruyff resta il più grande, è irraggiungibile.  Nessuna clausola rescissoria mi farà mai cambiare idea. Neppure per 100 milioni di euro. 
Giampiero Timossi
Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Leggi anche...
23/12
di Andrea Piva
Torino, Acquah va ko: problema ai flessori della coscia sinistra
22/12
1
di Andrea Piva
Torino, le pagelle di CM: saracinesca Hart, Belotti è ancora letale
15/12
Ajax, Amsterdam Arena intitolata a Cruyff
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.
Invia
Per poter commentare effettua il LOGIN
Per poter commentare effettua o accedi con Facebook