Ce l'ho con... Napoli come l'Arsenal: con De Laurentiis non puoi vincere
10/04/2017, 15:00
di Andrea Distaso
La Champions League è sfumata da un pezzo al cospetto di un avversario oggi irraggiungibile come il Real Madrid, la Coppa Italia se n'è andata a causa di un ko a Torino contro la Juventus che ha pesato nell'economia del doppio confronto e Maurzio Sarri non ha perso l'occasione di porre l'accento sulla disparità economica e organizzativa tra il suo Napoli e i bianconeri. La vittoria dello scudetto non è da tempo più un "problema" per gli azzurri, perchè di mezzo c'è sempre la Juventus. Il Napoli è più debole dei suoi avversari e per questo non porta a casa titoli, questa è la spiegazione che viene data in pasto ai tifosi per giustificare i propri insuccessi.

NON VUOLE VINCERE - Ma la gente di Napoli, il pubblico di Napoli, che ha vissuto stagioni come non accadeva dai tempi di Maradona e che ha avuto il privilegio di ammirare campioni del calibro di Hamsik, Lavezzi, Cavani, Higuain e Mertens merita di più, molto di più. Il limite del Napoli è il Napoli stesso o, dovendo per forza individuare un responsabile su tutti, questo è il presidente De Laurentiis. Che, come un Stan Kroenke qualunque, il ricchissimo uomo d'affari americano azionista di maggioranza dell'Arsenal, ha deciso che la sua squadra non deve vincere. Partecipare sì, assolutamente, ma guai a portare a casa una vittoria in Italia o in Europa che innescherebbe un pericoloso circolo.

I DIRITTI DI IMMAGINE - Premi da pagare a staff e calciatori, ingaggi da aumentare, rinnovi di contratto da autorizzare e tutta una serie di costi che De Laurentiis non vuole sobbarcarsi, se al contempo ad aumentare non saranno gli introiti. Peccato che, con una politica decisamente miope come quella sui diritti di immagine, che ha frenato tantissime trattative per l'acquisizione di giocatori e complicato quelle per blindare alcune delle proprie stelle (i recenti casi di Insigne e Mertens insegnano), una crescita del fatturato attraverso quella delle sponsorizzazioni è semplicemente un'utopia.

Il Napoli, come l'Arsenal di Wenger, investe su calciatori da lanciare per poi rivenderli a peso d'oro, nell'impossibilità di garantire un futuro da protagonisti sia dal punto di vista economico che delle prospettive sportive. Questo è, prendere o lasciare...

Andrea Distaso
Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Leggi anche...
09/04
Napoli, concorrenza inglese per Klaassen
08/04
7
Higuain: 'Napoli? Felice per gli juventini, ora il Barça'
08/04
2
Napoli, tre club in corsa per Mertens
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Invia
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.
Per poter commentare effettua il LOGIN
Per poter commentare effettua o accedi con Facebook