Della Valle ha fallito, come voleva. Ora via tutti: e la proprietà che resta a fare?
23/02/2017, 23:00
di Stefano Agresti

E così il 23 febbraio finisce la stagione della Fiorentina, fuori da tutto, con tre mesi di partite inutili davanti e un progetto bruciato alle spalle. Finisce nel modo peggiore: vinta 1-0 (senza merito, ammettiamolo) la partita d'andata in Germania, i viola sono andati sul 2-0 (senza merito, ammettiamolo) nella gara di ritorno, salvo essere travolti nel secondo tempo. Un'umiliazione, sì. Perché poi il Borussia - che gioca effettivamente bene e Sousa ha dipinto quasi fosse il Bayern - è all'undicesimo posto sulle diciotto squadre della Bundesliga. Niente di straordinario, insomma. Tutt'altro. Ebbene, la Fiorentina l'ha trasformato in un'armata irresistibile.

 

Questa sconfitta è il fallimento di Della Valle. Un fallimento voluto e cercato con encomiabile abnegazione, e finalmente arrivato. Tutto è cominciato esattamente un anno fa, con la Fiorentina seconda in classifica e bellissima ma straordinariamente bisognosa di un difensore, da prendere con un investimento anche modesto. Niente. Lì Sousa ha capito che stava combattendo da solo, a mani nude, contro avversari che forse non erano solo quelli nell'altra metà del campo. La magìa che Paulo aveva portato è pian piano svanita, assieme alla sua fiducia.

 

L'estate ha portato acquisti inconsistenti e una cessione importante, quel Marcos Alonso che sta volando in testa alla Premier da protagonista assoluto nel Chelsea di Conte. Niente del denaro incassato è stato investito, Della Valle s'è comportato alla stregua di un Lotito qualsiasi ma con meno ambizioni e meno conoscenze. Con una proprietà così lontana e disinteressata, la macchia del fallimento s'è allargata a Corvino, che ne ha azzeccate davvero poche, e infine anche a Sousa, l'uomo che fino a un anno fa regalava sogni.

 

E ora, chissà cosa succederà. Sousa potrebbe saltare subito, Kalinic cambiare idea e volare in Cina (e abbiamo la sensazione che i proprietari non si strapperebbero i capelli). Poi, in estate, andrà affrontata anche la questione Bernardeschi: accetterà di rimanere in un club così dimesso un talento tanto grande?

 

Sì, Della Valle ha raggiunto l'obiettivo: la Fiorentina non c'è più. Ma ha ancora un senso restare alla guida della società in questo modo?

 

@steagresti
 


Stefano Agresti
Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Le più commentate
11/12
2
Lazio furibonda con Giacomelli e il Var, il Torino cala il tris
11/12
1
Tare: 'Burdisso l'ha detto all'arbitro, Immobile non l’ha colpito'. Inzaghi: 'Ora la prova tv per scagionarlo'
11/12
1
Lazio-Torino, MOVIOLA: negato rigore a Immobile, poi espulso
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Invia
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.
Per poter commentare effettua il LOGIN
Per poter commentare effettua o accedi con Facebook