Dybala, la normalità di un campione
16/11/2016, 19:10
di Luca Borioni
Una festa di compleanno allegra, senza eccessi, assieme agli amici della Juventus, per festeggiare i suoi 23 anni. La normalità di un campione.

Già perché Paulo Dybala è ancora giovanissimo, eppure le immagini del suo compleanno torinese mostrano il volto di un grande talento sereno e maturo, che è già entrato nell’esclusiva dimensione internazionale dei giocatori top ma che mantiene stabilmente il controllo della situazione. È pur vero che magari avrebbe preferito vivere questo momento con una festa frugale nella sua Argentina, nello spogliatoio della Seleccion tra un impegno e l’altro delle qualificazioni mondiali, ma l’infortunio muscolare subito contro il Milan glielo ha impedito, e così Paulo si è dedicato tranquillamente al piano B.

Per celebrare i suoi 23 anni, la Joya ha invitato i compagni di squadra, con le rispettive consorti, al Ristorante Il Ponte (zona Crocetta, a Torino) dove ha spento in una sola volta le 23 candeline su una torta biancoceleste e con la musica dell’happy birthday in tonalità tango. Una festa a cena capace di unire allo stesso tavolo gli amici-rivali brasiliani: Neto, Hernanes, Alex Sandro… e con loro anche Asamoah e Sturaro.


E dire che l’infortunio di San Siro lo ha messo fuorigioco in una fase importante del campionato e pure della Champions. Con voci non controllate che dicono che forse non ce la farà a rientrare per la gara con la Dinamo Zagabria. E dire che si parla anche, e tanto, delle offerte che sono arrivate dalla Spagna: dopo quelle del Barcellona, anche la presunta mega-proposta (ingaggio superiore ai 10 milioni) del Real Madrid (quando avrà risolto la grana Uefa dello stop al mercato). E dire che c’è chi medita sulle presunte difficoltà di coesione, in campo, tra lui e Higuain, di ritorno a sua volta dall’amara trasferta con la nazionale d’Argentina, tra una sconfitta (proprio con il Brasile) e una panchina (con la Colombia).

Dybala non si fa condizionare, festeggia in allegria il suo compleanno con gli amici-colleghi e pregusta il rientro (sarà nel derby contro il Torino dell’11 dicembre?). C’è tempo per tutto. L’altra sera è stato il momento della festa e della torta, più avanti sarà quello di nuove prodezze per un campione dotato di una serena consapevolezza del proprio valore.  
Luca Borioni
Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Leggi anche...
16/11
5
Juve, la rinascita di Hernanes: mercato anche in Spagna, ecco chi lo vuole
16/11
1
La Juve chiude la porta in faccia al Barcellona che bussava per Lirola
16/11
1
Leverkusen: è sfida Milan-Juve per Brandt
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.
Invia
Per poter commentare effettua il LOGIN
Per poter commentare effettua o accedi con Facebook