Il calcio si riprende i soldi, Petrucci e Malagò rimangono in mutande
09/11/2016, 21:30
di Pippo Russo
Un colpo di mano da 120 milioni. Lo ha messo a segno ieri il calcio italiano, grazie a un emendamento inserito nel decreto fiscale collegato alla legge di bilancio, e approvato ieri dalle commissioni Bilancio e Finanze della Camera. Con un tratto di penna è sparita la Fondazione per la Mutualità negli sport professionistici di squadra, una creatura della Legge Melandri. Attiva dal 2008, la Fondazione si vedeva mettere a disposizione il 4% annuo della cifra spuntata con la cessione dei diritti televisivi della Serie A, da distribuire in progetti che avrebbero dovuto sviluppare lo sport di base, ma hanno finito col segnalarsi per opacità nei contenuti e nei criteri d’attribuzione dei fondi. A dimostrarlo c’è anche la famosa telefonata fra il presidente laziale Claudio Lotito e Pino Iodice, direttore generale dell’Ischia. Dunque si potrebbe dire che non ci sia da rimpiangere un soggetto nato vecchio e usato in modo pessimo.

Ma ci sono altri aspetti interessanti, in quell’emendamento che decreta la morte della Fondazione. A partire dal fatto che la quota annua sui diritti televisivi passa dal 4 al 10%. Una percentuale più che raddoppiata, per un ammontare che viene calcolato sui 120 milioni di euro all’anno. Denari che vanno tutti al mondo del calcio, e questa è la seconda novità. A gestirli sarà la Figc, che tratterrà per sé la quota del 10% di quella somma (o 1%, se il riferimento è al 10% calcolato sui diritti), e dovrebbe impiegarla per lo sviluppo dei settori giovanili e del calcio femminile. Per il resto, il 60% andrà alla Serie B, il 20% alla Lega Pro, e il 10% alla Lega Nazionale Dilettanti. Una grande redistribuzione, indubbiamente, con la Lega di B che s’appresta a veder piovere in cassa oltre 70 milioni annui. Ma questa immissione di risorse si ferma all’interno del calcio. E i soggetti maggiormente penalizzati sono la Federbasket (FIP) e il Coni, che si sono visti tagliare la linea di finanziamento.

Dal presidente della FIP, Gianni Petrucci, sono giunte immediatamente delle parole di protesta. Più composta, invece, la reazione del presidente del Comitato Olimpico, Giovanni Malagò, Che ha commentato l’emendamento senza far drammi, e dando l’impressione di essere già al corrente della mossa. La sua recente concordia col presidente del Consiglio, ben esplicitata in occasione della (mancata) candidatura di Roma per le Olimpiadi 2024, non lascia ipotizzare che la manovra sia giunta alle sue spalle.
Ultima annotazione. Questa pioggia di denaro che beneficia le società calcistiche italiane dalla Serie B in giù viene annunciata in prossimità del referendum costituzionale. Ma ovviamente è soltanto una coincidenza.

@pippoevai
Pippo Russo
Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Leggi anche...
26/10
Malagò sullo stadio Olimpico: 'Barriere in curva? La soluzione è vicina'
24/10
1
Coni, Malagò: 'Pallone d'Oro a Buffon? Sarebbe bellissimo per il calcio italiano'
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Invia
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.
Per poter commentare effettua il LOGIN
Per poter commentare effettua o accedi con Facebook