Il giorno in cui Mancosu oscurò Drogba. E se il futuro fosse in Italia?
28/10/2016, 19:00
di Stefano Benzi
Strana la vita: a distanza di un anno la parabola di Didier Drogba è passata dal picco più alto a quello più basso. Lo scorso anno era sceso in campo appena in tempo per risollevare i Montreal Impact da una stagione disastrosa trascinandoli fino a un clamoroso terzo posto nella Eastern Conference che valse anche la vittoria per 3-0 nel derby con Toronto del knockout game e l’accesso alla semifinale di Conference. Quest’anno invece le bizze dell’ivoriano sono state la vera variabile di una squadra piuttosto costante. 

Inizialmente era nato con un mal di schiena, poi forse è arrivato anche il mal di pancia, favorito anche da qualche sirena di mercato che lo voleva in Inghilterra, Francia e Italia (Napoli, ma anche Sampdoria e Sassuolo dicono i corrispondenti americani); alla fine c’è stata invece una procedura disciplinare del club nei confronti di Drogba che alla penultima di campionato – prima dell’attesissimo derby con Toronto – pare abbia rifiutato la panchina contestando il tecnico argentino della franchigia Mauro Biello. Fatto sta che con o senza Drogba gli Impact hanno giocato, segnato e vinto: affidandosi all’estro dell’argentino Ignacio Piatti, l’uomo che sta davvero facendo la differenza, e ai gol di Mancosu, protagonista di una bella doppietta nel 4-2 in trasferta di Washington che porta Montreal alla semifinale di Eastern Conference contro New York Red Bulls. 

Drogba, che non è scemo, si è reso conto di essere dalla parte del torto, di essere l’unico perdente e immediatamente si è rimesso in riga. Allenamento martedì sera e mercoledì mattina per verificare le condizioni della schiena anche se la squadra ormai era già partita per Washington e a dispetto del ‘no’ dello staff medico ha preso il primo aereo per raggiungere i compagni e sostenerli allo stadio con tanto di tweet di incoraggiamento e foto della festa del dopogara. 

Facile immaginare che Drogba rientrerà nei ranghi e forse sarà già in campo nella partita alle 20.00 (ora italiana di domenica) per la sfida allo Stade Saputo contro i Red Bulls. 
Le voci di mercato nel frattempo non si placano e Mauro Biello, tecnico canadese di origine argentina alle domande che riguardano il futuro di Drogba, si diverte a lasciar cuocere l’ivorniano nel brodo bollente: “Didier è un giocatore importante, che a volte diventa fondamentale. Ma quest’anno abbiamo imparato a fare a meno di lui. Se vorrà andare, andrà e ce ne faremo una ragione; se vorrà restare sarà protagonista di un progetto che fino a questo momento è cresciuto e può continuare a crescere”. Al punto che il vero uomo mercato degli Impact, oltre all’intoccabile Piatti, è diventato Mancosu, in Canada per gentile concessione del Bologna: quindici partite, trentatre tiri dei quali undici a bersaglio e sette gol. Non male per un 31enne che doveva solo scaldare la panchina per entrare se a Drogba scappava la pipì. 
Stefano Benzi
Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Le più commentate
23/10
328
Clamoroso Berlusconi: 'Milan con problemi finanziari, rischia di finire a Elliott. Senza Champions...'
23/10
74
Premi Fifa: CR7 the best e Buffon n°1, Bonucci nella top 11 allenata da Zidane
23/10
57
Club più ricchi, Man United primo. Juve 9a, il Milan di Li batte l'Inter di Zhang
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.
Invia
Per poter commentare effettua il LOGIN
Per poter commentare effettua o accedi con Facebook