La Juve ha scelto Spalletti: è il primo nome, ecco possibili ostacoli e rivali
14/03/2017, 00:00
di Fabrizio Romano
La prima scelta per la panchina della Juventus del prossimo anno ha un nome e un cognome: Luciano Spalletti. Proprio così, proprio lui. E non sono casuali i dribbling tra interviste o conferenze stampa da parte dell'attuale allenatore della Roma, con il contratto a scadenza nel prossimo giugno e nessun accordo per rinnovarlo: Spalletti sa bene che il suo futuro può essere lontano dalla Capitale. Di recente non ha neanche provato a nasconderlo, anzi: "Se non vinco, vado via". Chiaro e semplice. Senza mai escludere un'ipotesi Juventus che si sta facendo largo.

IL PRESCELTO - I diretti interessati glissano, no comment, normale a questo punto della stagione. Anche perché la Juve ha ancora sotto contratto Massimiliano Allegri per un'altra stagione: la separazione andrebbe sancita da entrambe le parti al momento giusto, non adesso. Ci sarà un nuovo incontro più avanti per delineare tutto. E mentre Max aspetta proposte concrete tra le tante ipotesi possibili per il suo futuro, la Juve si tiene pronta col nome di Spalletti in prima linea. Qualità di gioco, capacità di gestione dell'ambiente, buona esperienza internazionale: Spalletti convince, il suo contratto a scadenza è un assist. Ed è ormai impossibile non notare le sue dichiarazioni, specialmente dopo la stoccata di Pallotta cui è arrivata la replica: "Abbiamo avuto difficoltà a fare mercato, perché poi ci sono cose che si dicono e non si dicono...", parola di Luciano, ovvero un allenatore che si sente sempre meno coinvolto nel progetto Roma.

OSTACOLI E RIVALI - Il rinnovo ad oggi è lontanissimo, insomma. Solo una vittoria potrebbe cambiare (non per certo, anzi) lo scenario. E la Juventus fa le sue valutazioni: il percorso è ancora lungo tra un contratto da studiare per più di due anni e con un ingaggio importante, un progetto legato al coinvolgimento di Spalletti sul mercato, diversi aspetti da trattare prima di poter trovare un accordo definitivo. Non siamo ancora alle firme, ma gradimento e contatti coincidono. E se il discorso dovesse saltare? In caso di addio a priori di Allegri, da tenere i nomi di Paulo Sousa, Jardim (complesso) e Simeone (anche questo molto difficile). Ad ora, non ci sono altre ipotesi che popolano la lista bianconera per la panchina. Dove Spalletti è il preferito: presto sarà l'ora di passare dai pensieri ai fatti.
Fabrizio Romano
Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Leggi anche...
13/03
25
Galeone: 'Ho consigliato ad Allegri di lasciare la Juve. Scelga l'estero, e al suo posto meglio Sousa di Spalletti'
13/03
70
di Francesca Schito
Romamania: Spalletti umilia ancora Totti. Ora basta: o uno o l'altro
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.
Invia
Per poter commentare effettua il LOGIN
Per poter commentare effettua o accedi con Facebook