La mia Coppa d’Africa dalla tribuna
13/01/2017, 12:00
di Stefano Benzi
Nove edizioni sul campo: e questa mi toccherà vederla e sentirmela raccontare da altri. Brucia… Madonna se brucia. Ma è la cinica legge dei diritti televisivi. A volte va come vuoi, a volte lo prendi in quel posto. E in effetti l’Africa, tutta quanta da prendere in quel posto, è grossa. 

Ammetto indiscutibilmente che è stato l’evento tra i tanti che ho avuto modo di commentare che mi ha emozionato di più e sono tante le partite che ho raccontato che fanno storia a sé perché hanno avuto una narrativa leggendaria. Ogni anno succede qualcosa da raccontare: in questa edizione a priori la coppa sembrava addirittura destinata a saltare. Inizialmente il torneo doveva essere ospitato dal Sud Africa: ma a vincere il sorteggio fu, e con larghissimo margine, la Libia. Poche settimane dopo scoppiò la rivoluzione che rovesciò il regime di Gheddafi e la CAF si trovò a doversi misurare anche con problemi di epidemie sia in Sud Africa che in Marocco, paese che inizialmente aveva offerto la sua disponibilità. 

Con buona pace di guerre civili, zanzare e virus questa edizione si terrà nuovamente in Gabon come quella del 2012 vinta al termine di un torneo straordinario dallo Zambia: ed è un torneo che merita di essere visto per tanti motivi.

L’Africa sta disperatamente cercando di lasciarsi alle spalle l’immagine della confederazione venduta e propensa a marchette e voti di scambio, nella speranza di avere un Mondiale entro il 2032 e cioè entro le due edizioni successive a quella del Qatar. Per questo la CAF ha già assegnato con largo anticipo le prossime tre edizioni che andranno a Cameroon, Costa d’Avorio e Guinea, paesi ad alto tenore calcistico e che tutto sommato offrono dicrete garanzie. Anche se in Africa non si può mai dire che possa succedere. 
Stefano Benzi
Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Le più commentate
27/06
5
di Andrea Robertazzi
Spagna-Italia, le pagelle di CM: male Gagliardini, si salva Bernardeschi
27/06
5
di Federico Albrizio
Donnarumma, poca serenità e troppi errori: ora l'incontro-verità col Milan
27/06
3
Inter, Pellegri come Skriniar: due contropartite per aggiustare i bilanci
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.
Invia
Per poter commentare effettua il LOGIN
Per poter commentare effettua o accedi con Facebook