Le grandi domande del campionato: il Palermo farà un punto in casa?
27/11/2016, 18:00
di Pippo Russo
Ormai è come uno sportello dove incassare il Bonus Trasferta. Per le squadre viaggianti di questo campionato il Renzo Barbera è un approdo sicuro. In sette l'hanno visitato, in sette hanno portato via il bottino lasciando al Palermo un dato che se non è già un record poco ci manca: 0 punti sui 21 in palio nelle gare casalinghe. Oggi la Lazio è stata l'ultima della serie. Vittoria di misura alla fine di una partita giocata al piccolo trotto. Persino un po' troppo al risparmio, come ha fatto notare il cronista di Sky al laziale Marco Parolo durante la flash interview. E questi, dovendo arrangiare lì per lì una giustificazione, ha affermato: "Giocavamo su un campo difficile". Ciuffi di gramigna?

In fondo, al centrocampista laziale sarebbe bastato rimarcare l'evidenza. Come si fa a giocare alla morte una partita al Barbera? Arrivi all'ora di pranzo in una tarda mattina di fine novembre che pare inizio maggio,  ti trovi dentro a uno stadio quasi vuoto, con di fronte una squadra talmente tenera da muoverti a compassione. Chii riuscirebbe a mostrare i denti in condizioni del genere? È già tanto riuscire a mantenere la concentrazione. Basta prendersela con calma, che tanto prima o poi il gol arriva. È stato così per la Lazio, così come in precedenza era stato per Sassuolo, Napoli, Juventus, Torino, Udinese e Milan. Di misura o in modo largo, ma comunque l'esito non cambia. Da Palermo si riparte sempre con altri tre punti in classifica.

Dal punto di vista delle diciannove viaggianti verso il Barbera, è una pacchia. Ma vista dal lato rosanero? Depressione pura. Il telecronista della tv satellitare ha parlato di circa ottomila spettatori, giudicandoli "pochi". Pochi? Sono pure troppi. Ottomila eroi, che dall'inizio della stagione vedono soltanto vincere gli avversari sbarcati al Barbera, e percepiscono come un miraggio il primo punto casalingo. Come lo prenderebbe qualunque altra tifoseria, un ruolino di marcia casalingo così umiliante? Lo sopporterebbe oltre la terza gara? Sotto questo aspetto, la squadra di De Zerbi (ma a cosa mai servirebbe esonerarlo?) è la peggiore persino nel derelitto lotto delle ultime quattro. I suoi 6 punti sono stati conquistati tutti in trasferta, con la vittoria contro l'Atalanta e i pareggi contro Inter, Crotone (sul neutro di Pescara) e Sampdoria. Peggio dell'Empoli, che ha raggranellato in casa 5 dei suoi 10 punti in classifica: vittoria contro il Crotone e pareggi contro Chievo e Roma, cui vanno aggiunti la vittoria di Pescara e i pareggi contro Torino e Genoa in trasferta. Peggio del Crotone, che ha conquistato in casa 5 dei suoi 6 punti: vittoria col Chievo e pari contro lo stesso Palermo e la Sampdoria, più il pareggio del Franchi contro la Fiorentina. E peggio pure del Pescara, che senza tener conto della vittoria a tavolino contro il Sassuolo (e in attesa del posticipo di stasera all'Olimpico contro la Roma) è la squadra di peggior rendimento del campionato, ma ha conquistato in casa 3 dei 4 punti guadagnati sul campo: pareggi contro Napoli, Torino e Sampdoria, più quello in trasferta contro il Genoa.

Da qualsiasi parte la si rigiri, i numeri del Palermo ultimo in classifica sono devastanti. E proprio il dato sulle partite in casa è il più allarmante, perché senza un minimo sfruttamento del fattore campo qualsiasi ipotesi di salvezza diventa impossibile. E alle viste si presentano i due prossimi impegni casalinghi, prima della sosta di fine anno. Non proibitivi. Prima il Chievo, una buona squadra ma anche l'unica fin qui capace di farsi battere dal Crotone. E poi il Pescara, una pari grado nel gironcino dei dannati di fondo classifica. Se non riuscisse a prendere punti nemmeno in questi due appuntamenti al Barbera, il Palermo potrà già dirsi retrocesso a Natale. Un primato che Maurizio Zamparini potrà mettere nel curriculum prima d'andare a godersi la vecchiaia.

@pippoevai
Pippo Russo
Le più commentate
19/08
2
di Nicola Balice, inviato a Torino
Juve, niente paura: Buffon è sempre lui
19/08
2
di Marco Demicheli
Cutrone all'esame Crotone: per tenersi il Milan o conquistarsi il futuro
19/08
1
di Gianluca Minchiotti
Agnelli tifa Milan e Inter: ecco perché
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.
Invia
Per poter commentare effettua il LOGIN
Per poter commentare effettua o accedi con Facebook