Milan-Inter: Montella fa troppi calcoli e butta via il derby, Pioli sorprende tutti
21/11/2016, 00:30
di Giancarlo Padovan
L’Inter gioca, ma il Milan quasi vince. Sarebbe stata un'ingiustizia palese, eppure i cultori del risultato a tutti i costi sarebbero partiti da lì per fare il panegirico a Montella, lodandone la conversione ad un post-italianismo di circostanza e sostenendo che è così che si va in Champions League. Invece è finita 2-2 con un gol di Perisic al 92' che ha riacciuffato il Milan proprio quando stava per volare al secondo posto solitario sulle tracce della Juve (meno 5) a più 11 dall'Inter. Ora i rossoneri sono alla pari con la Roma a 26 punti (7 meno della Juventus), mentre l'Inter galleggia nella terra di nessuno, a otto lunghezze dalla zona Champions, dove la speranza è l'ultima a morire. Risultato giusto, atteggiamenti sbagliati.

Quello del Milan, e di Montella, che alla fine ha difeso con  un 4-5-1 come mai gli avevo visto fare a Firenze, con  la conseguenza di portarsi tutta l'Inter in area e non solo sul gol del definitivo pareggio. Quello dell'Inter che, dopo un primo tempo di aggressione e pressing, si è allungata e disunita soffrendo le ripartenze milaniste sulla riconquista a metacampo. E' così che è nato il secondo gol di Suso, è così che ne sarebbero potuti venire altri. Se Montella ha cominciato con il solito 4-3-3, Pioli ha stupito con un 4-2-3-1, il cui vertice alto, dietro Icardi, era Joao Mario. La sua funzione è stata quella di pressare alto, coinvolgendo sia i compagni di linea (Candreva e Perisic), sia i centrocampisti Brozovic e Kondogbia. Primo tempo quasi completamente interista, con almeno tre occasioni per Perisic (una di piede e due di testa) e una - forse la più consistente - per Icardi che al 38', su tiro sbagliato di Candreva, ha mancato il pallone ad un passo dalla porta. Il Milan, in totale soggezione, non si è visto fino al 40' quando sono accadute, nello stretto giro di due minuti, tre cose importanti.

La prima: un tiro, prevedibile di De Sciglio, che ha avuto il merito di essere il primo della partita milanista.
La seconda: un contropiede 4 contro 3 condotto da Bonaventura per Bacca che, anziché servire Niang smarcato, ha preferito la conclusione centrale.
La terza: il vantaggio dei rossoneri su azione simile, peraltro partita da Donnarumma, con Bonaventura bravissimo a servire Suso e Ansaldi, stolido, nel coprire tardi la traiettoria a rientrare, cioé quello che lo spagnolo fa sempre.

L'Inter ha sbandato ad inizio di ripresa, quando lo scatenato Bonaventura ha avuto l'occasione del raddoppio. Ciò è accaduto perché, oltre al pressing, all'Inter mancavano le distanze tra uomini e reparti. Paradossalmente, però, il pareggio nerazzurro si è collocato proprio quando gli uomini di Pioli stavano giocando peggio. Ed in effetti, la staffilata di Candreva che ha battuto Donnarumma, è stata una giocata fuori contesto, determinata da un fallo laterale discusso e con qualche giocatore del Milan distratto dalle proteste. 

La partita si è fatta bella quando anche il Milan ha cominciato a giocare. Alla prima azione  congegnata, sulla destra, con Bacca prima pronto ad attaccare la profondità e poi a servire Suso (dribbling su Miranda e conclusione di destro), è arrivato il gol del 2-1. Si era appena al 13' della ripresa e, forse inconsciamente, il Milan ha cominciato a fare calcoli, mentre l'Inter ha continuato a portare uomini nella metà campo avversaria. Bene, in questo tipo di attività, anche i due esterni bassi - D'Ambrosio e Nagatomo (sostituto del pessimo Ansaldi) - che hanno spinto con continuità. Ancora Perisic (palla fuori di un palmo) e Icardi (deviazione fallita sottoporta) hanno fatto tremare il MIlan e convinto Montella a tenere la finzione del 4-3-3: dentro Mati Fernandez per Bacca e sistema di gioco trasformato in un 4-5-1. L'unica punta era Lapadula, quando ha preso il posto di Niang. 

Nella fase finale, non solo è cresciuto il possesso palla dell'Inter (65 per cento), ma si sono moltiplicati anche i tiri in porta (18 contro 9). Il pareggio è stato un atto di equità, cercato da tutta la squadra e ottenuto da Perisic, con un tocco sotto misura, da angolo.

Twitter: @gia_pad
Giancarlo Padovan
Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Leggi anche...
20/11
71
di PG
Inferno e paradiso: è il derby di Pioli
20/11
33
di Daniele Longo
Suso: ora torna a casa a piedi!
20/11
196
Milan, Montella: 'C'era fallo sul gol di Candreva. Inter? Esultano come se avessero vinto lo scudetto...' VIDEO
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.
Invia
Per poter commentare effettua il LOGIN
Per poter commentare effettua o accedi con Facebook