Oggi è il giorno di Donald Trump. Tra Usa e Russia scoppia l’amore
20/01/2017, 08:30
di Marco Bernardini
La data di oggi, 20 gennaio 2017, verrà opportunamente calendarizzata come quella di una svolta epocale per la Storia del mondo. Non è la prima volta che un rappresentate del Partito Repubblicano entra ufficialmente alla Casa Bianca con il compito di esercitare il complesso ruolo di presidente di una delle più grandi e potenti nazioni del pianeta. E’ la prima volta, però, che nell’agenda di un presidente americano tra le diverse e urgenti iniziative da varare la priorità viene data alla ufficializzazione di un “gemellaggio” impensabile fino a qualche anno fa. Dopo l’investitura di questo pomeriggio, tra sfarzi e polemiche assortite, Donald Trump sottolineerà con grande energia il suo programma di politica internazionale con un summit a Helsinki riservato a lui e al “fraterno amico” Vladimir Putin ex capo assoluto del KGB e indiscusso oligarca della Russia post comunista.

Rammento che a noi, bambini del Novecento affacciati alla finestra dalla quale si poteva osservare un mondo con ancora aperte e dolenti le ferite della Seconda Guerra Mondiale, venivano impartite lezioni di etica e di politica piuttosto rigide. Come in una serie di “Guerre Stellari” esistevano l’impero del bene con la sua bandiera a stelle e strisce e quello del male con il suo simbolo rosso corredato da falce e martello. Da una parte gli Stati Uniti d’America, esempio acclarato di libertà intellettuale e di democrazia popolare. Dall’altra l’Unione delle Repubbliche Sovietiche, modello di appiattimento culturale e di dittatura fintamente proletaria. A Occidente si mangiavano hamburger e si beveva Coca Cola. A Oriente ci si ubriacava di vodka e si arrostivano bambini. Non vi potevano essere dubbi su chi fossero i buoni e chi i cattivi. Naturalmente la realtà non era quella, però almeno un paio di generazioni vennero istruite in tal senso.

Dopo la caduta del Muro di Berlino e la sepoltura del comunismo reale di matrice stalinista, anche le tradizionali e radicate differenze ideologiche vennero stemperate nel brodo del nuovo sogno chiamato società globale, ma non per questo si interruppe la “competizione” tra Stati Uniti e Russia e vennero annullate le reciproche diffidenze. Eclatante rimaneva il senso dell’antagonismo tra le due Potenze nello sport, per esempio, e specialmente durante le Olimpiadi le quali rappresentavano un chiaro terreno di scontro per fortuna incruento. La corsa agli armamenti nucleari non sembrava voler segnare il passo e ogni interferenza dei rispettivi “servizi” provocava reazioni perlomeno seccate in arrivo dalla Casa Bianca o dal Cremlino. E se alle strizzatine d’occhio ci pensava il cinema americano, in particolare con il reganiano Rocky Balboa in arte Sylvester Stallone, il sentimento corrente popolare e reciproco restava quello fondato su di una rispettosa lontananza.

Da domani in poi e per almeno l’intera durata dell’amministrazione Trump la storia non sarà più la stessa e i delicati equilibrii sui quali ha poggiato fino a poco tempo fa  la pacificazione, politica ed economica, del mondo saranno dettati da altri protagonisti. Il gemellaggio russo-americano inaugurato da due presidenti che, malgrado le loro origini assai differenti, possiedono una visione del mondo di fatto univoca e conseguentemente la sua gestione provocherà fatalmente il “risveglio” di alte potenze le quali non sono state invitate al banchetto. Una su tutte la Cina portabandiera di quel socialismo liberistico che a Trump fa l’effetto del fumo negli occhi ma che, per esempio, ha già intrapreso un cammino irreversibile sulle strade di quell’Europa occidentale che pare non debba riuscire mai a rifondarsi e a collocarsi nel panorama internazionale come entità sul serio indipendente. L’invasione e le razzie sul terreno del calcio, insieme con quelle più strettamente imprenditoriali, rappresentano non soltanto un segnale ma una realtà pressoché consolidata. Un pianeta, quello cinese, che non però fa paura ai bambini del Duemila perché là mangiano formiche rosse fritte e scarafaggi in umido, non i neonati come accadeva in Urss.

Ecco perché quella di oggi, 20 gennaio 2017, con l’insediamento di Trump alla Casa Bianca rappresenta una data cruciale e nevralgica per il mondo che verrà. Con tanti auguri, toccando debitamente ferro, all’umanità intera.
Marco Bernardini
Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Le più commentate
23/08
6
di Pasquale Guarro
Inter: Sabatini a cena con gli agenti di Schick, la Roma si muove con Totti
23/08
4
Real Madrid, fonti vicine a Ronaldo: 'Non garantiamo che resti'
23/08
3
Montella: 'Deluso da Niang, giocare nel Milan non può stressare'. La replica: 'Vorrei decidere io dove trasferirmi'
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.
Invia
Per poter commentare effettua il LOGIN
Per poter commentare effettua o accedi con Facebook