PAGELLONE: Belotti da 10, l'Atalanta vince sempre. Roma e Milan, che caos
06/03/2017, 13:00
di Stefano Agresti

10 BELOTTI. Segna tantissimo, in tutti i modi, ma fa anche molto altro: lotta, sgomita, lavora, picchia, corre. Un toro, davvero. Deve affinare un po’ la tecnica, ma si può fare: anche Vieri inizialmente era grezzo, poi con il lavoro migliorò: chiedete a Narciso Pezzotti, storico vice di Lippi, quante ore passava con Bobo sul campo per migliorarne il tocco. 

9 ATALANTA. Vince anche quando non vince. Da top club l’idea di devolvere l’incasso della gara con la Fiorentina - stadio esaurito - ad Amatrice, affinché rinasca un campo sportivo. 

8 REINA. Il colpo di reni con cui butta il pallone sulla traversa a tempo scaduto è fenomenale, perché la deviazione di Koulibaly l’aveva reso quasi imparabile. La sua firma su Roma-Napoli: decisiva. 

7 PIOLI. Rimette in piedi l’Inter dopo la batosta con la Roma e arriva a dieci vittorie nelle ultime dodici partite: media di 2,5 punti a partita, roba da scudetto. Comunque vada a finire la stagione, merita applausi. 

6 BONUCCI. Sorprende la facilità con cui Zapata gli sfugge via (lui sostiene che avrebbe dovuto accorciare prima sull’attaccante dell’Udinese, a noi sembra che si faccia anche superare un po’ troppo agevolmente). Poi, però, rimedia con l’1-1. Sbaglia e rimedia: sufficiente, appunto. 

5 L’EMPOLI. Stavolta anche i maghi del club toscano hanno perso qualche colpo quando hanno dovuto ricostruire il gruppo, indebolito dalle solite cessioni: la squadra viaggia a ritmo da retrocessione, fortuna loro che c’è chi fa molto, ma molto peggio. 

4 ROMA-SPALLETTI. Il tecnico è in scadenza a fine stagione eppure nessuno fa chiarezza: né la società, né lui. A noi tutto questo non sembra normale, soprattutto se poi accade - come accade - che Spalletti parli come un dirigente. Ma se non ha nemmeno il contratto da allenatore... 

3 IL BOLOGNA. Due punti nelle ultime sette partite, tra partite regalate (al Milan, in undici contro nove) e portate via dagli arbitri (con la Samp). Un cammino comunque deludente, troppo. E la contestazione dei tifosi è la logica e inevitabile conseguenza. 

2 LA DIFESA DEL CAGLIARI. I gol subiti sono diventati 57, ormai il primato del Pescara (60) è vicinissimo. Va bene provare a giocare, va bene cercare di divertire, ma un occhio alle spalle va buttato: là dietro i sardi sono inguadrabili. 

1 L’OLIMPICO VUOTO. Poco più di ventimila spettatori nel derby di Coppa Italia, una semifinale; appena undicimila paganti per Roma-Napoli. scontro Champions. Tristezza senza fine: nessuno fa qualcosa di davvero decisivo per riportare i romani allo stadio? 

0 BERLUSCONI. Ha scelto l’acquirente sbagliato, che ora cerca di giustificare. La cessione del Milan (non del Pizzighettone, con tutto il rispetto) è diventata una tristissima farsa. La squadra non ne avverte le conseguenze, ma forse il rinnovo del contratto di Donnarumma sì.

@steagresti

 

 

 


Stefano Agresti
Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Le più commentate

Attualmente non ci sono commenti, scrivi tu il primo!

Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.
Invia
Per poter commentare effettua il LOGIN
Per poter commentare effettua o accedi con Facebook