PAGELLONE: Pioli e Suso: 10! Higuain e Mandzukic non sono una coppia: 6...
21/11/2016, 13:00
di Stefano Agresti
Ecco i nostri voti alla tredicesima giornata di serie A.

10 SUSO&PIOLI. Gli uomini del derby. Straordinaria la doppietta del milanista, per una notte indimenticabile; eccellenti le scelte del nuovo tecnico interista, il quale dà subito un’impronta alla squadra con scelte anche coraggiose (Medel difensore nella linea a quattro, Kondogbia titolare, Banega fatto fuori). La sensazione è che il futuro, oltre che il presente, possa essere loro.

9 ATALANTA&LAZIO. L’Atalanta impressiona: sette vittorie e un pareggio nelle ultime otto partite. Ma anche la Lazio vola: stesse otto gare, cinque successi e tre pari. Così ora sono lassù, a braccetto, in piena corsa per la Champions: da applausi. Un po’ più scroscianti per Gasperini, perché nessuno, ma proprio nessuno lo immaginava tanto in alto: questa Atalanta sembra davvero il Leicester di un anno fa. Solo che in Premier non c'era una Juve...

8 INSIGNE. Dopo 223 giorni d’attesa torna al gol, e ne fa addirittura due: fondamentali per lui, per ripartire, e anche per il Napoli, che aveva necessità assoluta di vincere per scuotersi.

7 ROCCHI. Atalanta-Roma è partita davvero complicata, ci colpisce che - in mezzo a tanta mediocrità arbitrale - non sbagli praticamente nulla: azzecca il rigore per i giallorossi e la sanzione per Toloi (giallo, non rosso), il penalty negato a Gagliardini (Dzeko non lo tocca), quello concesso nel finale ai bergamaschi. Purtroppo una prestazione così non è la norma, né per lui né per i suoi colleghi.

6 MANDZUKIC/HIGUAIN. E’ la media tra il 7 pieno del croato, uno che non tradisce mai, e il 5 dell’argentino, che ci pare un po' in difficoltà. La verità è che il rendimento complessivo di due campioni, quando giocano assieme, non sempre è pari alla somma del loro valore. Dipende anche dalle caratteristiche, dalla complicità, da come si integrano uno con l’altro. Mandzukic e Higuain non s’intendono come dovrebbero, finora. Perché tecnicamente sono simili, forse troppo. Non sono una coppia, insomma. E chissà se mai lo saranno.

5 PALERMO. E’ arrivata anche la sesta sconfitta consecutiva, la settima in otto partite. Un lento, inesorabile e prevedibilissimo declino, colpa di un organico che era già debole nella scorsa stagione ed è stato ulteriormente depauperato. Allenatore e calciatori non sono certo i principali responsabili: sul banco degli imputati c’è, prima di chiunque altro, il presidente Zamparini.

4 LE MAGLIE DEL DERBY. Ma chi le ha scelte? In tv sembrano identiche, quasi impossibile distinguere rossonero e nerazzurro. Salvano, appena un po’, i pantaloncini differenti. Almeno quelli. Ma che, nel mondo dell’immagine, si riesca a combinare un pasticcio del genere in una partita tanto importante, questo davvero non lo credevamo possibile.

3 SASSUOLO. Voto tre, come i gol che incassa dalla Samp negli ultimi dieci minuti di una partita buttata in modo incredibile. E’ la quarta sconfitta di fila. La sensazione è che il doppio impegno (campionato e coppa) e gli infortuni abbiano tolto certezze ed energie alla squadra di Di Francesco. E la classifica non è ancora allarmante solo perché le ultime quattro non hanno la forza di andare avanti.

2 SPALLETTI. Nel crollo romanista del secondo tempo, ci mette molto del suo. Come si può rinunciare a Salah quando la partita è diventata di contropiede? E com’è possibile togliere anche Perotti che tanti problemi aveva creato all’Atalanta? Poi lui dice, con finta ironia: “Eh, la colpa è sempre dell’allenatore…”. No, non sempre. Ma stavolta sì.

1 GLI ERRORI IN DIFESA. Inspiegabili i falli da rigore commessi dal genoano Orban e dal romanista Paredes su avversari che non sembrano così pericolosi; clamoroso l’errore di Gastaldello che regala il vantaggio al Palermo. Svarioni fatali, i primi due; rimediato dal Bologna, invece, il terzo. Comunque gravissimi.

0 PESCARA. Il voto è identico al numero di partite che gli abruzzesi hanno vinto sul campo: zero. L’unico successo lo ha regalato a Oddo il Giudice sportivo, per via di una ininfluente disattenzione burocratica del Sassuolo. Okay, il Pescara spesso gioca un buon calcio, ma ogni tanto bisogna anche vincere.

@steagresti
 
Stefano Agresti
Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Le più commentate

Attualmente non ci sono commenti, scrivi tu il primo!

Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.
Invia
Per poter commentare effettua il LOGIN
Per poter commentare effettua o accedi con Facebook