Perché amiamo Zeman, l'uomo che non vince mai ma insegna calcio e diverte
19/02/2017, 18:00
di Stefano Agresti

Denigrarlo è fin troppo facile: conosce un solo modo di giocare, le sue squadre prendono valanghe di gol e, soprattutto, non ha mai vinto nulla, nemmeno il più misero dei trofei. Non solo, aggiungiamo noi: a meno di clamorosi colpi di scena concluderà la sua avventura nel mondo del calcio - speriamo il più tardi possibile - continuando a non vincere alcunché. Lo abbiamo capito nella primavera dell’anno scorso quando con il suo Lugano ha ceduto la finale di Coppa di Svizzera (che non è proprio la coppa del mondo) al modesto Zurigo, arrivato ultimo in campionato. Segnale inequivocabile: no, non vincerà mai.

 

Eppure Zdenek Zeman detto Sdengo per molti è un mito, una leggenda. Per noi, un maestro di calcio: uno dei migliori. Perché nel mondo del pallone non contano esclusivamente gli scudetti, le coppe, i trofei, giacché altrimenti avrebbero voce in capitolo solo i Capello e i Mourinho, gente che ha allenato grandi campioni in grandissimi club e, con merito, ha vinto. Altri valori hanno un peso, oltre ai risultati: la voglia di divertire, l’amore per il bel gioco, il desiderio di osare, la capacità di sorprendere.

 

Sorprendere: Zeman ci è riuscito - meravigliosamente - anche stavolta. Lo hanno richiamato al capezzale del Pescara, in una situazione di infinita tristezza: nessuna vittoria sul campo, quasi un record mondiale, e un cammino condito di immagini pessime, tra contestazioni e lacrime, paure e macchine date alle fiamme. Pensavamo che avessero messo il suo faccione - quello dell'eroe della penultima promozione in Serie A - a protezione della squadra, un’operazione ruffiana e malinconica. Ci sbagliavamo. In pochi giorni Zeman ha liberato la testa dei calciatori e ha trasmesso loro, incredibilmente, alcune delle sue idee di calcio: aggressività, sovrapposizioni, velocità. E 4-3-3, naturalmente. Tre allenamenti gli sono stati sufficienti.

 

Quando abbiamo visto il Pescara in campo, non credevamo ai nostri occhi: il risultato ha preso una dimensione inimmaginabile, 5-0, e il Genoa è stato travolto da una squadra in tutto somigliante a quelle con le quali Zeman ci ha fatto innamorare di lui. Ci è venuta la folle tentazione di andare a guardare la classifica, per capire cosa potrebbe accadere da oggi in poi. Ebbene, la salvezza rimane praticamente impossibile, Con Zeman, però, nessun sogno è proibito. Tranne che quello di vincere.

@steagresti
 


Stefano Agresti
Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Le più commentate
13:10
619
Inter, UFFICIALE: chiesto un prestito da 300 milioni per rifinanziare il debito
12:31
506
Sorteggio Champions: la Juve pesca il Tottenham. Roma con lo Shakhtar, Real Madrid-PSG, Chelsea-Barcellona
09:00
309
di Cristiano Ruiu
ESCLUSIVO!
Vai Rino! Tanti saluti alla difesa a 3 e a quei bidoni portati da Mirabelli
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Invia
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.
Per poter commentare effettua il LOGIN
Per poter commentare effettua o accedi con Facebook