Peyrano chiude, Juve con l'amaro in bocca
20/01/2017, 14:17
di Marco Bernardini
Il rito, andato avanti per quindici anni, era questo. La vigilia di Natale, a mezzanotte, lui entrava nella chiesa della Gran Madre a Torino. Lo aspettavo fuori. Non per sgarbo e per disattenzione verso la fede, ma perché la celebrazione della Messa mi riportava ai tempi della personale “mala education” subita ai tempi del ginnasio da certi “cattivi maestri” salesiani i quali, contrariamente alla regola voluta dal loro padre fondatore Giovanni Bosco, sembravano impegnarsi al massimo per rendere la religione e la preghiera una sorta di gabbia persecutoria piuttosto che la strada maestra per poter raggiungere il Misericordioso. Non volevo farmi sangue cattivo proprio quella notte magica. Preferivo, dunque, sostare sulle scale di quel bellissimo e misterioso tempio riflettendo in beata solitudine aspettando che lui tornasse dopo aver recitato un “Avemaria” anche per me. Poi si andava a piedi verso casa mia che non era lontana. Lui, principe senza corona e senza scorta. Io, affabulatore senza platea. Due amici nella notte. La notte di Natale.

LEGGI L'ARTICOLO COMPLETO SU ILBIANCONERO.COM
Marco Bernardini
Le più commentate

Attualmente non ci sono commenti, scrivi tu il primo!

Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.
Invia
Per poter commentare effettua il LOGIN
Per poter commentare effettua o accedi con Facebook