Pozzo si ritira, il modello Udinese no
20/12/2016, 20:00
di Luca Borioni
Giampaolo Pozzo annuncia che andrà in pensione: trent’anni di Udinese sono abbastanza. O forse no, visto che comunque la gestione del club continuerà ad essere affidata ai figli, come del resto anche il Watford in Premier. Già perché per i Pozzo il calcio è sempre stato un affare. A volte decisamente un grande affare, oltre che un divertimento, con qualche piccolo problema saltuario. Più che altro è stata sempre un’avventura incredibile: business puro, basato su una rete di osservatori scaltri e competenti, estesa in tutto il mondo e capace di portare in Friuli talenti giovani da far crescere, e poi da cedere al miglior offerente.

Un sistema che negli anni è diventato una macchina perfetta, modello da seguire anche per i grandi club, modello da esportare: prima in Spagna, residenza dorata e lavorativa dei Pozzo, al Granada (portato dalla Tercera alla Primera Division, e poi anche in Inghilterra, con il Watford ristrutturato e trascinato nuovamente in Premier.

Il tutto con una gestione ispirata ai cari vecchi principi manageriali da imprenditore di provincia. Mai un progetto esagerato, mai un passo troppo lungo. Sempre con attenzione alle spese, al centesimo, a costo di apparire poco trendy, a costo di scendere in campo o di prendere il microfono e dirne quattro all’arbitro malevolo di turno.

Una gestione rampante, all’italiana, forse d’altri tempi, anche se bene o male i risultati continuano ad arrivare e intanto il Friuli è diventato uno stadio moderno, bello comodo, seppur non ancora funzionale al progetto. Per costruirlo la squadra è stata penalizzata, meno investimenti e classifica difficile, con conseguente disaffezione di un pubblico abituato al meglio, perfino a una qualificazione in Champions oltre che al lancio di giocatori top class, tipo Sanchez ceduto al Barcellona e da lì all’Arsenal. E prima una serie infinita: De Sanctis, Handanovic, Zapata, Felipe, Marcio Amoroso, Inler, Asamoah, Muntari, Isla, Iaquinta, Quagliarella e naturalmente Di Natale.

Pozzo chiude ma il figlio Gino ne aveva già raccolto l’eredità, assieme alla sorella Magda. Non si tratta di una svolta, ma solo di un adeguamento al tempo che passa e ai tempi che cambiano, anche nel calcio. Il modello Udinese resta, la piccola media azienda che tanto ha da insegnare ai presunti professori delle multinazionali è sempre in pista, sempre attiva. Con nuovi sogni da inseguire: di nuovo la Champions, nuovi astri da far risplendere, da Meret (portiere parcheggiato alla Spal) ai centrocampisti Fofana, Jankto e De Paul. Pozzo senior si fa da parte, il marchio Udinese non passa di moda.
Luca Borioni
Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Leggi anche...
20/12
Pozzo: 'Udinese club modello e moderno'
20/12
5
Giampaolo Pozzo lascia l'Udinese: 'Ora tocca ai miei figli, porte aperte per Di Natale'
14/12
1
Pozzo: 'Delneri all'Udinese fino al termine della carriera'
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.
Invia
Per poter commentare effettua il LOGIN
Per poter commentare effettua o accedi con Facebook