Tra Pirlo e Verratti: Inter su Sadilek
18/04/2017, 13:00
di Stefano Benzi
Stando a quanto sostengono (e chiedono) i procuratori, in Europa in questo momento c’è un disperato bisogno di play. Riprendendo una definizione dell’indimenticato professor Scoglio scomparso ormai quasi dodici anni fa, il “play basso” è quel giocatore che si offre davanti alla difesa, che sa come alzare la squadra e che riesce a verticalizzare immediatamente a volte portando gli attaccanti in zona tiro con un solo passaggio. Giocatori così non li vendono a trance sul mercato: ma ogni tanto spuntano. Il paese che in questo momento produce centrocampisti in numero addirittura superiore alle sue stesse necessità è la Repubblica Ceca. Esiste un vero e proprio modello che viene applicato da diverse scuole calcio, lo Sparta Praga su tutte, per offrire al mercato questo genere di giocatori. Corsa, tanti polmoni, piedi non sempre all’altezza e una scuola tattica molto rigida. Non è come l’Olanda, che sotto l’aspetto della didattica del calcio resta un paese straordinario e di grande qualità, tuttavia nel campionato Under 19 che quest’anno si giocherà in Georgia dal 2 luglio la Repubblica Ceca c’è (l’Italia invece no, ultima del suo girone al secondo giro di qualificazione dietro Svezia, Eire e Belgio – un punto in tre partite).

E i cechi di giocatori di questo tipo ne hanno almeno tre o quattro: Emil Tischler, 19 anni, è stato arretrato per necessità tattiche sulla linea dei difensori e gioca praticamente da centrale ma Michal Sadilek, diciotto anni ancora da compiere, sta crescendo splendidamente: otto partite in nazionale Under, sempre sottoetà e sei gol. Gran piede su punizione,  splendida conclusione dalla distanza. Michal Sadilek, talento dell’anno nella scorsa stagione, è stato seguito dall'Inter e si ispira a Pirlo e Verratti. E’ cresciuto nello Slovacko che lo ha ceduto a 75mila euro al PSV Eindhoven: in Olanda è titolare fisso della formazione riserve e ormai è destinato a diventare titolare in prima squadra a breve.

Meno spettacolare e più essenziale di lui è Alex Kral. Ha un passo leggermente più pesante e muscolare ma grande visione di gioco: il suo pezzo forte è il rilancio. La Repubblica Ceca gioca spesso con attaccanti molto fisici che fanno da sponda e quando Kral rilancia sono 40-50 metri di palla a spiovere nella tre quarti avversaria. Ha diciotto anni, gioca nel Teplice ed è sotto opzione dall’Anderlecht. 

(foto psv.nl)
Stefano Benzi
Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Le più commentate
09:00
175
di Cristiano Ruiu
ESCLUSIVO!
Vai Rino! Tanti saluti alla difesa a 3 e a quei bidoni portati da Mirabelli
08:00
158
Inter, c'è lo zampino di Jindong Zhang dietro lo 0-0 contro la Juve
09:59
87
Fassone: 'Forse fatti troppi acquisti. Bonucci sta tornando quello della Juve. Vendere il Milan? Ecco la verità'
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Invia
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.
Per poter commentare effettua il LOGIN
Per poter commentare effettua o accedi con Facebook