Sarri contro De Laurentiis: Napoli, adesso non sprecare tutto
06/11/2016, 23:00
di Luca Borioni
Due pareggi sono troppo pochi, quattro sconfitte sono troppe. Il Napoli è ancora fuori misura e intanto i risultati storti – lo stop casalingo con la Lazio l’ultimo episodio – acuiscono la crisi tra De Laurentiis e Sarri. Che poi appare soprattutto come una crisi di risultati e non di gioco, ma anche come una crisi dovuta a un’evidente carenza strutturale, quella che fa riferimento alla mancanza di un vero attaccante e che è figlia dell’infortunio di Milik e prima ancora della partenza di Higuain non adeguatamente rimpiazzato. È anche una crisi “del secondo anno”, ovvero di quel disamoramento che coglie di solito De Laurentiis nei confronti di un allenatore voluto e sostenuto nella prima stagione e punzecchiato nella successiva. Un po’ come era accaduto con Benitez.

Sarri – che non è certo un maestro di diplomazia o di bon tonha risposto per le rime all’ultima provocazione del presidente, il "consiglio" sul giusto utilizzo di Hamsik ovvero da trequartista (oltre che sulla questione del mancato arrivo di Aubameyang e sul momento di Gabbiadini). "Decido io e poi ad Hamsik quel ruolo non piace". Il punto è che a De Laurentiis vanno riconosciuti molti meriti per la salita del Napoli nel ristretto novero delle grandi di Serie A da qualche anno a questa parte (al netto del dominio juventino), ma certe esternazioni sembrano rivelare un’improvvisazione che stona con tutto il resto. È un dato di fatto che dopo Higuain e dopo l’infortunio di Milik il Napoli non sia riuscito a trovare una soluzione tattica adeguata per sopperire alla difficoltà di segnare i gol che servono per vincere le partite. Ma non si può chiedere a Sarri di fare miracoli. E neppure si può credere che un attaccante qualsiasi, o uno tra altri quindici, possa andar bene per sostituire un bomber come Higuain e far finta che non sia accaduto nulla.

La lite De Laurentiis-Sarri mette in luce un vuoto dirigenziale che il Napoli, proseguendo nel suo percorso di crescita, avrebbe dovuto colmare. Altrimenti si finisce per dare ragione a Lo Monaco - uno che di mercato e valutazione di giocatori ne capisce – quando afferma che "De Laurentiis non è competente come crede". Ma questa competenza supposta o intermittente non deve neppure compromettere le potenzialità della squadra. In fondo l’eredità di Higuain c’è e sta nei milioni ricevuti in estate e mal reinvestiti, stando alle ultime indicazioni del campo. Si dice però che una crisi sia spesso un’occasione di crescita: sta al Napoli, da Sarri a De Laurentiis passando per la squadra, non sprecare tutto.
Luca Borioni
Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Leggi anche...
06/11
149
di Daniele Longo
Milan, dal no al Napoli al gol di tacco: Montella, hai visto che Lapadula?
06/11
17
di Giovanni Scotto
Napolimania: state distruggendo Gabbiadini
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.
Invia
Per poter commentare effettua il LOGIN
Per poter commentare effettua o accedi con Facebook