Spogliatoio distrutto: il 'no comment' del Milan è senza vergogna
11/03/2017, 23:35
di Stefano Agresti
Ci sono momenti nei quali vengono fuori gli uomini. Montella, subito dopo il caos di Juve-Milan, ha dato una lezione al mondo del calcio: "Chiedo scusa a nome dei miei giocatori, dopo una sconfitta così erano troppo nervosi". Non credevamo potesse esserci un allenatore che conserva tanta freddezza e tanta lucidità in mezzo alla bagarre. Straordinario,  davvero. 

Peccato che il Milan non abbia preso esempio dal suo allenatore. Non appena è stata resa pubblica la notizia degli spogliatoi dello Stadium distrutti dai rossoneri - un atto vandalico di gravità assoluta, se qualcuno di noi comuni mortali commette un gesto del genere in un esercizio pubblico viene giustamente denunciato - ci aspettavamo che il Milan prendesse una posizione forte. Del tipo: "Non è vero niente, quereleremo per diffamazione chi ha messo in giro questa balla". Oppure: "Chiediamo scusa alla Juventus, ovviamente risarciremo i danni e multeremo i responsabili". Invece quella che era una grande società ha reagito con due parole: "No comment".

Ma come "no comment"? Galliani non ha niente da dire dopo che i suoi tesserati si sono comportati in modo incivile? Quelle due parole, "no comment", suonano quasi come un'approvazione, un tacito assenso al vandalismo. Senza vergogna.
Stefano Agresti
Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Le più commentate
21/10
374
di Giancarlo Padovan
ESCLUSIVO!
Inter di poco inferiore al Napoli, la Juve non è allo stesso livello di gioco
21/10
180
Il Napoli sbatte sul muro dell'Inter: 0-0
21/10
167
di Pasquale Guarro
Inter, le pagelle di CM: Handanovic e Skriniar mostruosi, che Nagatomo!
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.
Invia
Per poter commentare effettua il LOGIN
Per poter commentare effettua o accedi con Facebook