Vorremmo mostrarti le notifiche per le ultime notizie e gli aggiornamenti.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.

Scorrendo la pagina o cliccando il pulsante "ho capito" acconsenti all'uso dei cookie e accetti la privacy policy.

Abusi sui calciatori, dati allarmanti dal Brasile: 1 su 3 ne ha avuto esperienza
Percentuali da brivido. Riguardano gli abusi subiti in Brasile dai calciatori e vengono dalle risposte a un questionario che Universo Online (UOL) ha sottoposto a un campione di 106 calciatori brasiliani che militano nelle squadre del Brasileirão, il massimo campionato nazionale. Alla rilevazione è stato dato il nome Pesquisão e a parteciparvi sono stati i tesserati di 13 club: Atletico Mineiro, Botafogo, Ceará, Corinthians, Cruzeiro, Flamengo, Fluminense, Gremio, Internacional Porto Alegre, Palmeiras, Santos, San Paolo e Vasco da Gama. I calciatori interpellati hanno risposto a 21 domande su temi vari. Molte sono state dedicate a indicare il migliore e il peggiore in diverse categorie di soggetti che lavorano dentro e intorno al calcio: allenatori, arbitri, giornalisti, commentatori e anche calciatori.

I quesiti hanno riguardato altri temi di ampia rilevanza. È stato chiesto se il VAR possa migliorare la qualità del calcio in Brasile, e la risposta è stata positiva con maggioranza esorbitante (80,2%). Altro tema molto delicato è stato quello della “Torcida Unica”. Che è la conseguenza di una delle misure anti-violenza adottate di recente, attraverso la quale vengono escluse dagli stadi le tifoserie ospiti in occasione dei clásicos, specie quelli dell'area di San Paolo. Riguardo a questo stato delle cose, i calciatori hanno dato una risposta molto interessante: ancora una volta a maggioranza nettissima (79,3%) si sono espressi contro lo stadio monocromatico. Evidente che, per loro, la presenza della tifoseria ospite sugli spalti sia un elemento che migliora il clima-partita.

Ma l'interrogativo più spinoso riguarda ciò che è etichettato come “assedio”, da tradursi in italiano con “abuso”. Ai 106 calciatori interpellati è stato chiesto se abbiano subito in prima persona abusi di carattere morale e/o sessuale, o se sappiano di colleghi che ne abbiano subiti. Il 29,2% ha risposto sì. Ciò che costituisce un dato molto preoccupante, poiché siamo alla quota di quasi 1 rispondente su 3. E altrettanta preoccupazione desta il fatto che, a fronte di un 60,4% di rispondenti che dichiarano di non averne mai subite né sentito parlare, vi sia un grasso 10,4% di astenuti. Ciò che è insensato, perché questo è il solo quesito in cui era richiesta non già un'opinione bensì un'informazione (“hai subìto/sei a conoscenza di?” o “non hai subìto/non sei a conoscenza di?”). Una percentuale così alta di non risposte rischia dunque d'essere la spia d'un malessere più diffuso di quanto dica il già grave 29,2%. E dietro la scelta di astenersi può esserci un misto di omertà, rimozione, vergogna, malinteso spirito di corpo.
Il mondo del calcio non ha ancora fatto abbastanza per indagare questo suo lato oscuro. E non soltanto in Brasile.

@pippoevai

Pippo Russo

Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Le più commentate
21/01
1
di Nicola Balice, inviato a Torino
Juve-Chievo, le pagelle di CM: Emre Can domina, Ronaldo stavolta stecca
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.