Vorremmo mostrarti le notifiche per le ultime notizie e gli aggiornamenti.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.

Scorrendo la pagina o cliccando il pulsante "ho capito" acconsenti all'uso dei cookie e accetti la privacy policy.

Agnelli, l'idea più diseducativa del mondo: 'Dai bambini di 8 anni in su la Juve deve vincere'. E così uccide i vivai

All’assemblea degli azionisti della Juve, Andrea Agnelli ha detto molte cose. Alcune di grande impatto, tali da far passare quasi inosservata una frase che a noi è balzata agli occhi per quanto è triste, cupa, diseducativa, diremmo addirittura deprimente. Ha sentenziato con malcelato orgoglio il presidente bianconero: “Deve essere chiaro che, dagli Under 8 in su, l’obiettivo della Juve è quello di vincere”.

 

Se avete dunque un figlio che va all’asilo, potete portarlo a giocare nella Juve per farlo divertire, nella speranza che torni a casa sereno e felice.

Ma se frequenta appena la seconda elementare, allora ditegli che si concentri molto sul calcio e stia attento, anzi attentissimo a quello che combina in campo: se sbaglia la partita, se addirittura la perde, i capi non gradiranno. Il diktat non ammette deroghe.

 

Con dirigenti del genere, si comprende bene perché crescano meno calciatori importanti dalle nostre parti: perché abituiamo i ragazzini a pensare al risultato non quando cominciano a essere formati mentalmente e fisicamente, diciamo in piena adolescenza, ma addirittura quando hanno ancora la purezza per rincorrere il pallone preoccupandosi solo di dribblare, tirare, rincorrersi, sorridere, sfogarsi assieme agli amici.

 

Eppure i campioni del passato spesso ricordano come hanno cominciato a giocare e come sono diventati fenomeni. Totti lo ha appena fatto nella sua autobiografia: aveva sempre il pallone tra i piedi, per strada e a scuola, dove si divertiva in assoluta libertà, giocando alla tedesca, con passaggi sempre e solo al volo, davanti alla saracinesca di un negozio chiuso, oppure dilettandosi in altre attività del genere, in allegria assieme agli amici. Nessuno a otto anni ha preteso che Totti vincesse alcunché, e nemmeno lo hanno fatto con Buffon, Pirlo, Del Piero, eppure ci hanno portato un titolo mondiale.

 

Qualcuno lo spieghi, ad Agnelli: i bambini devono giocare, gli adulti devono vincere. E non sempre è l’unica cosa che conta anche quando si è grandi.


@steagresti
 


Stefano Agresti
Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Leggi anche...
25/10
8
Torino, alcuni tifosi scrivono a Cairo: 'Agnelli non è il benvenuto'
25/10
Juve, Agnelli responds to Superga air disaster banner allegations
25/10
195
Agnelli: 'Non abbiamo fatto entrare gli striscioni canaglia'. La replica di Report
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.