Vorremmo mostrarti le notifiche per le ultime notizie e gli aggiornamenti.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.

Scorrendo la pagina o cliccando il pulsante "ho capito" acconsenti all'uso dei cookie e accetti la privacy policy.

Allegri domina in Europa come faceva Sacchi, Ancelotti in Champions è unico
Se Allegri in Europa domina come faceva Sacchi, Ancelotti domina come faceva...Ancelotti. Oggi il calcio italiano ha i due migliori allenatori d’Europa, due maestri, due tecnici che vedono il calcio, ma anche la vita, nello stesso modo. Sono oltre le pressioni, oltre gli schemi, oltre le statistiche sofisticate. Sono allenatori “naturali” che nell’ultimo turno di Champions hanno mostrato un calcio forse mai visto nella storia dei loro club in Europa. Non solo per qualità tecnica, collettiva e individuale, ma per mentalità, autorevolezza, personalità, consapevolezza dei propri mezzi.

La Juventus di Allegri aveva vinto altre grandi partite in Champions League, a Dortmund contro il Borussia, a Monaco con Dani Alves ala destra, in casa col Barcellona fino a Madrid l’anno scorso, lo aveva fatto attraverso un calcio astuto e intelligente, mai con lo strapotere tecnico, fisico e tattico della squadra che si sente più forte di tutte. Anche quella era la Juve di Allegri, che ha attinto da Ronaldo l’energia per spingersi nel campo non del bel gioco, ma del grande gioco.
Quanto al Napoli, bisogna tornare ai tempi di Maradona e della Coppa Uefa per avere un ricordo nitido di una squadra così dominante. Sapevamo quanto aveva perso il calcio italiano dall’anno in cui Ancelotti decise di accettare la corte di Abramovich. Il suo lavoro ha portato prestigio a Chelsea, Psg, Real Madrid e in parte al Bayern Monaco, squadre già formate e strutturate (per storia e investimenti) per comandare in Champions. Il Napoli no, è una storia diversa. In tanti (compreso chi scrive) pensano che l’organico non sia più forte dell’anno scorso e, se davvero è così, quello che ha portato Ancelotti è unico in Europa, è una dose enorme di sapienza e personalità. E’ come se la squadra abbia trovato una guida sicura in un territorio cosparso di ostacoli come la Champions. E’ come se Ancelotti avesse detto ai giocatori: “Venite con me che vi porto oltre voi stessi”. E quelli lo hanno seguito.

Il primo tempo di Manchester e di Parigi segue i 60' in 10 di Valencia per Allegri e i 90' contro il Liverpool per Ancelotti. Sono partite che spingono a credere che la Juve abbia finalmente una posizione da leader e che anche il Napoli possa trovare un ruolo da protagonista. Fra Max e Carletto c’è ancora una differenza, dovuta all’età e all’esperienza: Allegri ha avuto qualcosa da Ronaldo, Ancelotti ha dato qualcosa a Insigne.

Alberto Polverosi

Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Leggi anche...
25/10
94
di Marco Giordano
A Parigi la svolta: il Napoli vale le big d'Europa ed è merito di Ancelotti
25/10
9
Lippi: 'Juve spettacolare, è da Triplete. Allegri top mondiale, ma occhio a Inter e Napoli'
25/10
L'aspetto che accomuna il Napoli di Ancelotti a quello di Maradona
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.