Vorremmo mostrarti le notifiche per le ultime notizie e gli aggiornamenti.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.

Scorrendo la pagina o cliccando il pulsante "ho capito" acconsenti all'uso dei cookie e accetti la privacy policy.

Bonucci, perché tu puoi irridere i tifosi della Juve e Mou no? Josè è coerente...

La reazione di Mourinho quando è finita Juve-Manchester (quella mano portata all’orecchio a mo’ di sfida in mezzo al campo: e ora non mi insultate più?) è un gesto sbagliato e molto umano. Sbagliato perché ai protagonisti del campo si chiede - anche in virtù dello stipendio che prendono, e a Josè pure per l’età e l’esperienza - di essere superiori a certe provocazioni, benché reiterate; molto umano perché insomma, provate voi a essere insultati per una partita intera assieme a familiari e affini.

Mourinho è comunque coerente con se stesso: è interista da capo a piedi, è provocatore per vocazione, ha avuto un comportamento adeguato al proprio carattere e alle proprie passioni. A guardare bene quella scena carica di tensione, c’è invece qualcosa, o meglio qualcuno, che stride enormemente: Bonucci. Il quale va dall’allenatore a dirgli che no, così non ci si può comportare. 

Bonucci, sì, quello che il 31 marzo ha segnato in Juve-Milan il gol dell’1-1 (la partita è poi finita 3-1), ha rivolto lo sguardo ai tifosi bianconeri e ha indirizzato loro quell’antipatico gesto di esultanza, il dito che ruota attorno alla faccia: sciacquatevi la bocca. Dopo averlo fatto per anni da juventino, quel giorno lo ha ripetuto da capitano dei rossoneri. Ha lanciato ai suoi vecchi tifosi il guanto di sfida, un atteggiamento anche coraggioso se poche settimane dopo (ma c’è qualcuno che sostiene si fosse mosso già a gennaio) non avesse chiamato i dirigenti della Juve supplicandoli di riportarlo a Torino.

Per questo, di fronte alla provocazione di Mourinho, non ci siamo stupiti se Dybala è andato da lui a dirgli di farla finita: è stata la reazione di uno juventino che si è sentito irriso. Ci ha invece lasciato senza parole che sia stato Bonucci il primo ad affrontare l’allenatore dello United: come osi provocare i tifosi? 

Già: e perché Mou - che juventino non è mai stato - non può farlo, mentre lui non si è sentito in difficoltà a irridere i suoi ex tifosi, tra le cui braccia si sarebbe rituffato di lì a poco?

@steagresti
 


Stefano Agresti
Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Le più commentate
08:30
216
Asensio vuole la Juventus, ecco il piano
12:00
191
di Cristiano Ruiu
ESCLUSIVO!
Milan, troppi infortuni colpa di società e Gattuso: a gennaio si punti su Conte!
08:00
157
Milan, Scaroni: 'Meglio tre anni in Champions di uno scudetto, adoro Ibra'
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.