Nuovo capitolo del caso Mayorga-Cristiano Ronaldo, che vede il portoghese accusato di stupro. Ma andiamo con ordine, ripercorrendo i fatti: nel 2018, la ragazza accusò il portoghese di stupro, facendo riferimento ad un episodio avvenuto a Las Vegas nel 2009, mentre il calciatore era in vacanza e la giovane, ai tempi 25enne, lavorava come modella. Dopo il presunto stupro, Mayorga aveva denunciato l'accaduto e aveva effettuato alcuni esami medici, ma si era rifiutata di identificare l'aggressore. Spiegel, più tardi, aveva mostrato alcuni documenti che mostravano le ferite diagnosticatele: una tumefazione anale con abrasioni e lacerazioni.

ASSOLTO - In un secondo momento, invece, la riapertura delle indagini da parte della polizia di Las Vegas. A fine luglio di quest'anno, tuttavia, la procura di Las Vegas aveva assolto Ronaldo spiegando che 'sulla base della revisione delle informazioni possedute, le accuse sessuali contro Cristiano Ronaldo non possono essere dimostrate oltre ogni ragionevole dubbio'.  LA RIVELAZIONE - Oggi, ecco una nuova svolta: secondo quanto riporta la CNN, gli avvocati dell'attaccante della Juve avrebbero ammesso che nel 2010 la donna aveva raggiunto un accordo con il calciatore: in cambio di 375.000 dollari, Mayorga non avrebbe parlato dell'accaduto e non avrebbe sporto denuncia. Gli avvocati, inoltre, hanno aggiunto che non ci sono prove che facciano pensare che la ragazza - al momento della firma dell'accordo - non fosse in pieno possesso delle capacità mentali, a differenza di quanto sostenuto dalla donna.