Prosegue anche nella stagione 2018-2019 l’appuntamento della nostra rubrica SOS Arbitri con Massimo Chiesa. L'ex arbitro internazionale, in esclusiva ai microfoni di Calciomercato.com, mette sotto la lente d'ingrandimento i principali casi da moviola di ciascuna giornata di Serie A, gli aspetti positivi (ove vi siano) e assegna i voti agli arbitri del massimo campionato italiano. Di seguito il riepilogo degli episodi contestati nella ventesima giornata di Serie A:

GLI ERRORI PIÙ GRAVI DEGLI ARBITRI (SENZA L’AUSILIO DEL VAR):

Napoli-Lazio: "Serataccia per Rocchi. Il primo giallo per Acerbi non c’è: il difensore frana sì su Callejon al limite dell’area, ma senza alcuna cattiveria. Decisione troppo severa. Nella ripresa, il difensore della Lazio stende ancora Callejon che lo anticipa leggermente: il fallo c’è, l’ammonizione anche qui è dubbia. Si può assolvere Rocchi su questo giallo per la dinamica dell’azione. Sicuramente è più giustificabile per questa ammonizione che per la prima. Acerbi è stato dunque espulso ingiustamente, ma il Var da protocollo non può intervenire per correggere la decisione di Rocchi. Da segnalare, inoltre, due entratacce di Bastos su Zielinski e Lulic su Malcuit: la prima inspiegabilmente senza alcun provvedimento disciplinare, la seconda sanzionata con un giallo".

Udinese-Parma: "Slalom di Gervinho che viene atterrato da De Paul in area di rigore: Mazzoleni, non distante dall’azione, lascia proseguire. Interviene il Var". 

VAR SÌ:
Udinese-Parma: "Dopo aver rivisto l’episodio, Mazzoleni assegna il calcio di rigore al Parma: decisione corretta, il fallo andava visto anche senza Var".

VAR NO

I VOTI AGLI ARBITRI della ventesima giornata (SENZA L’AUSILIO DEL VAR):

Cagliari-Empoli: Pasqua 6 (Var Abisso).
Fiorentina-Sampdoria: Di Bello 5 (Var Doveri). "Di Bello sbaglia la gestione dei provvedimenti disciplinari: alla fine sono otto gialli e un cartellino rosso, partita molto difficile da dirigere. Corretta l’espulsione per doppia ammonizione di Edimilson Fernandes: i due falli sono da cartellino giallo. Manca un rosso, però, a Vitor Hugo: entrataccia nella ripresa a due piedi, Di Bello neanche lo ammonisce. È lo stesso difensore brasiliano a provocare il rigore per la Samp per un evidente fallo di mano”. 
Frosinone-Atalanta: Chiffi 6 (Var Mariani).
Genoa-Milan: Orsato 6 (Var La Penna).
Inter-Sassuolo: Pairetto 4 (Var Banti). "Pairetto inadeguato per il match. Inconcepibili decisioni dell’arbitro che stoppa delle ripartenze senza concedere il vantaggio. Al 32’, ferma una promettente azione d’attacco dell’Inter per ammonire Sensi dopo un fallo su Brozovic. Nella ripresa, ferma invece Djuricic che stava ripartendo in contropiede: altro vantaggio non concesso. Da entrambe le azioni potevano scaturire occasioni da rete".
Juventus-Chievo: Piccinini 6,5 (Var Calvarese). “Arbitro che dimostra di avere personalità. Giusto assegnare il calcio di rigore alla Juve (poi sbagliato da Cristiano Ronaldo) perché Bani si oppone alla conclusioone col braccio largo".
Napoli-Lazio: Rocchi 5 (Var Manganiello).
Roma-Torino: Giacomelli 5,5 (Var Irrati). "Non convincente la gestione dei provvedimenti disciplinari dell’arbitro. Giusto non assegnare il rigore al Torino nel finale: Olsen tocca il pallone un istante prima di Belotti".
Spal-Bologna: Fabbri 5,5 (Var Guida). “Troppi 4 minuti per pizzicare un fuorigioco millimetrico di Petagna sul gol del pareggio di Antenucci. Non convincente nella gestione della partita e degli episodi”. 
Udinese-Parma: Mazzoleni 5 (Var Aureliano).