I ritardi nei lavori per le Universiadi 2019 (278 milioni di investimenti statali e regionali, di cui 127 per 57 impianti) bloccano lo sport a Napoli. Schermitori, nuotatori, judoka sono senza vasche e palestre. La squadra di basket femminile ha lasciato il campionato di Serie A1 perché non si poteva più allenare al Palavesuvio, diventato un cantiere. 

Il caso più scottante riguarda lo stadio Collana, chiuso da due anni e attorno al quale gravitano 7mila atleti e oltre 30 associazioni sportive. Lo storico impianto nel quartiere Vomero è al centro di una sfida tra campioni: da una parte il campione olimpionico di scherma Sandro Cuomo, dall'altra gli ex calciatori Fabio Cannavaro e Ciro Ferrara. Un mese fa questi ultimi due hanno ottenuto l'affidamento creando una società, la Giano Srl. 
Cannavaro ha lasciato, anche se indiscrezioni dicono che sia rimasto dietro le quinte. Se n'è andato pure Ciro Ferrara, che compie 52 anni proprio oggi e ha spiegato a La Repubblica: "Ci ho creduto, ma ci sono state troppe polemiche, strumentalizzazioni politiche e divergenze all'interno della società. Sono amareggiato, mi auguro davvero che il Collana torni a una nuova vita". 
Intanto nello stadio abbandonato è entrata una ruspa, si è posizionata in mezzo al campo e ha spento i motori: i lavori non sono ancora iniziati.