Terremoto in casa Sampdoria: Walter Sabatini si è dimesso nel pomeriggio. Dopo la sconfitta per 3-0 di Bologna, l'ex dirigente di Inter e Roma tra le altre ha rassegnato le proprie dimissioni, come riportato da Sky Sport. Il motivo? Una lite col presidente blucerchiato Ferrero negli spogliatoi, a fine partita. Un accesissimo diverbio tra i due, poi le dimissioni immediate.

Sabatini dalla scorsa estate era responsabile dell'area tecnica del club. Alla base della lite ci sarebbe una sfuriata di Ferrero dopo la prestazione deludente da parte della squadra, mentre Sabatini avrebbe preso le difese dei calciatori e di Giampaolo, prima della decisione finale. Sabatini, prima dell'avventura alla Samp, aveva ricoperto la carica di responsabile dell’area sport del gruppo Suning. In precedenza Sabatini era stato dirigente di Roma, Palermo, Lazio, Arezzo, Triestina e Perugia.  LE PAROLE - Così ha parlato a Sky Sport lo stesso Sabatini: "Con molto dispiacere e rammarico confermo le dimissioni. C'è stato uno screzio tra me e il presidente a fine partita, e quando accade una cosa del genere tra datore di lavoro e dipendente è giusto che ci si dimetta. Non ci saranno ripensamenti, è stata una decisione difficile perché voglio molto bene a questa squadra".