Vorremmo mostrarti le notifiche per le ultime notizie e gli aggiornamenti.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.

Scorrendo la pagina o cliccando il pulsante "ho capito" acconsenti all'uso dei cookie e accetti la privacy policy.

Coppa Italia falsata per il Dio Denaro!
Giovedì sera la Lega di Milano, su richiesta/indicazione della Rai, ha provveduto a cambiare le date delle semifinali e della finale di Coppa Italia. La finale si giocherà all’Olimpico mercoledì 15 maggio, a cavallo fra la 17esima e la 18esima giornata di campionato. Alla 17esima è in programma Roma-Juventus e alla 18esima si disputa Napoli-Inter. Va bene lo stesso, magari una finale di mercoledì ci sta un po’ stretta, ma dopo lo slittamento delle semifinali non c’erano troppe alternative. Il problema, infatti, riguarda le semifinali che nel calendario precedente si dovevano giocare a distanza di 3 settimane l’una dall’altra (andata il 6 febbraio, ritorno il 27 dello stesso mese) e che adesso invece sono distanziate di quasi 2 mesi (andata il 27 febbraio, ritorno il 24 aprile).

Può darsi che sia colpa della nostra mentalità da calcio paleolitico, ma che senso ha giocare una semifinale due mesi dopo l’andata? Per natura, la partita di ritorno è un completamento della partita d’andata. Lo dicono anche gli allenatori quando commentano la prima gara: «Abbiamo giocato solo il primo tempo, ora ci aspetta il secondo». Solo che stavolta l’intervallo è stabilito da gente che se ne frega dell’aspetto tecnico. Ed è un intervallo eterno che falsa il senso di tutta la competizione. Alla vigilia della gara di ritorno faticheremo a ricordare quello che è successo all’andata e in quei due mesi la situazione delle due squadre può essere capovolta. A inizio di febbraio c’è il festival di Sanremo e la Rai, che detiene i diritti del torneo, non può disperdere l’audience. La Lega, che dovrebbe tutelare gli interessi sportivi prima di tutto, tutela invece l’aspetto economico. Che nessun dirigente, però, venga poi a raccontarci che la Coppa Italia è un torneo di alto livello, che va considerato più di quanto lo sia attualmente. Sono loro i primi (forse anche gli unici) a considerare un solo aspetto: il denaro. Avanti così che facciamo del bene al calcio.
Alberto Polverosi

Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Leggi anche...
26/10
Coppa America: dal 2020 nello stesso anno degli Europei
25/10
Coppa Italia: variazioni date semifinali e finale
23/10
1
Verso Manchester United-Juventus: quando si incontrano in coppa una delle due arriva in finale
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.