Vorremmo mostrarti le notifiche per le ultime notizie e gli aggiornamenti.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.

Scorrendo la pagina o cliccando il pulsante "ho capito" acconsenti all'uso dei cookie e accetti la privacy policy.

Da Nordhal a Boninsegna fino a Weah e Ronaldo: è il derby dei centravanti
Higuain vs Icardi nel solco della tradizione di un derby che da sempre ha visto sfidarsi grandi centravanti, dagli anni dell’immediato dopoguerra - era il calcio in bianco e nero e a San Siro c’era la nebbia - ai tempi nostri, quelli in 3D che stiamo vivendo.

Partiamo con la cavalcata: anni 50, sono quelli di Nordhal contro Nyers e Lorenzi. Il Pompiere svedese segna gol roboanti, stoccate imprendibili, palloni pesanti come pietre che rotolano nella rete avversaria: 10 gol nel derby per lui, comprese due doppiette. il giramondo Nyers - apolide, nato in Francia, figlio di un minatore ungherese, due scudetti con i nerazzurri - segna con l’istinto feroce del cacciatore di palloni in area avversaria, caratteristiche simili ha Benito Lorenzi detto «Veleno» (il soprannome glielo diede la mamma), protagonista di svariati gol e anche di un episodio rimasto famoso: 6 ottobre 1957, ultimo minuto, Inter (è la squadra di Angelillo e Skoglund) in vantaggio, Lo Bello assegna un rigore per il Milan, ci va Cucchiaroni, «Veleno» si avvicina al pallone e furtivo ci nasconde sotto una buccia di limone. Cucchiaroni non se ne accorge, tira, sbaglia, l’Inter trionfa, Lorenzi viene inseguito dagli avversari fin negli spogliatoi, lo vogliono menare.

Anni 60: il rossonero Altafini fa quaterna in un derby storico (Milan.Inter 5-3 del 27 marzo 1960), altri centravanti di quegli anni al Milan sono Gino Pivatelli, "Testina d’Oro", il brasiliano Amarildo (a segno per quattro derby consecutivi tra il novembre 1964 e l’aprile 1966) e l’inglese Greaves, che molto promette e poco mantiene. Sponda nerazzurra, è l’Inter di Herrera: il giovane Sandro Mazzola gioca di punta, Peirò, Cappellini e Ghio lo supportano. Il Milan va a cavallo dei due decenni (60 e 70) con Pierino Prati, tremendo quando va a colpire di testa, definitivo quando sfrutta i lanci di Rivera che - si direbbe oggi - lo trova nello spazio.

È il periodo (primi anni 70) in cui l’Inter trova il centravanti più forte (con Gigi Riva) di quel periodo: Boninsegna, il favoloso Bobo celebrato anche da «Radiofreccia» («Le rovesciate di Bonimba»). I suoi gol acrobatici fanno parte della storia del nostro calcio. Avanti: metà anni 70, ecco che il milanista Albertino Bigon si inventa "centravanti di manovra", prima che il centro dell’attacco sia occupato da Egidio Calloni, "Sciagurato" (vedi Gianni Brera) ma a segno anche lui in un derby (Milan-Inter 3-0) del 1975. In quell’Inter gioca Libera, ma anche Anastasi: ancora poco (fine anni 70) e arriverà ad occupare la scena il grande «Spillo» Altobelli, faccia da derby del decennio degli anni 80, periodo che il Milan vive inizialmente sulla polvere, prima di provare a rialzarsi (resterà un poster a futura memoria il gol di Hateley nell’ottobre del 1984) e dettare legge, vedi alla voce Van Basten.
Il Milan degli olandesi, l’Inter dei tedeschi, con Klinsmann, e prima di lui (a fare coppia con Altobelli) c’era stato Rummenigge. Che anni, quegli anni. Nel Milan ecco Paolo Rossi, Virdis, anche Galderisi: tutti nel tabellino marcatori di quel periodo. L’Inter risponde con Serena, tra i primi cinque specialisti del gol di testa nella storia del nostro calcio.

Gli anni 90 trovano la loro massima espressione - in fatto di centravanti - con Weah (Milan) e Zamorano (Inter), ma San Siro diventa il teatro di uno dei più grandi di sempre: Ronaldo, il Fenomeno. Si declina verso il Duemila con il favoloso Sheva da una parte e l’implacabile Vieri dall’altra: bomber purissimi, attaccanti di lignaggio internazionale. Di qua Pippo Inzaghi fa godere la Milano rossonera, di là il cuore batte per Ibrahimovic (e Adriano, e Cruz).

La corona del centravanti nell’Inter del Triplete ce l’ha Milito, intanto Ibra è passato al Milan: sfida tra giganti. il Milan del dopo-Inzaghi cerca a lungo il suo 9: esperimento Bacca, ma la certezza è Higuain, il Pipita che dovrà vedersela stavolta con un collega dal gol facile, Maurito Icardi. Ecco: Higuain vs Icardi, derby nel solco della tradizione, dei gol, di chi di mestiere fa il centravanti.
Furio Zara

Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Leggi anche...
17/10
3
Inter, quanto ha chiesto Wanda per il rinnovo di Icardi
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.