Speciale Mondiali 2018 Notizie, Video, Statistiche, Dirette
Dalla cotoletta al pollo alle mandorle: non è più il derby di Prisco e Jannacci
14/04/2017, 20:45
di Marco Bernardini
Non ci potranno essere. Avrebbero l’opportunità di osservare dall’alto, è vero. Ma credo che eviteranno di farlo. Ci starebbero male. Troppo male. Enzo Jannacci, Beppe Viola e Giorgio Gaber. Ma anche Gino Bramieri e Peppino Prisco. Quelli, tra i tantissimi, che il derby non era mica una roba qualunque. Era la fotografia di due anime. Quelle della "Granmilàn" che spingeva i "sciur" ad arrivare in automobile a San  Siro "già mangiati" e con le bandiere nerazzurre in mano più o meno alla stessa ora in cui si avvicinavano allo stadio i "magutt" scesi dal tram con la schiscetta del pranzo a sacco nella mano destra e la sciarpa rossonera ben stretta nella sinistra. Tra canti e sfottò ci si capiva tranquillamente tutti. Il dialetto che non era lombardo ma proprio milanese di ringhiera. Poi anche i "terun" ormai radicati nelle periferie e conquistati da quelli con il “coeur ‘n man”. Profumo di riso con lo zafferano e di cotolette impanate con l’osso. Alle fine una bella fetta di colomba Motta o Alemagna con un bicchierino di Bianco Sarti per digerire o di Borghetti per gli uomini forti. Era il derby più derby di tutti gli altri. Era Inter-Milan coniugato alla meneghina.

Ora di pranzo. Adesso. Ci saranno anche i cinesi, a nove ore di fuso orario, davanti ai televisori accesi per assistere a quello che, da questo giorno epocale, sarà il loro derby. Bacchette tra le mani a portare in bocca pollo alle mandorle e involtini primavera. Il sake caldo non profuma. Non come il barbera del trani a gogò, perlomeno. Da Pechino fino agli angoli più nascosti del più grande e popoloso Paese del mondo si schiereranno a favore dell’Inter o del Milan a seconda della simpatia per un colore piuttosto che per l’altro. Oppure per solidarietà ai nuovi padroni del calcio i quali hanno deciso di investire faccia e denaro in un gioco che per renderlo popolare e un minimo accettabile in Oriente hanno dovuto chiamare il molto onorevole Marcello Lippi da Viareggio. Il cuore, la passione e la sana follia no. Sono altra cosa. Un'anima cinese non potrà mai essere milanese. Il Meazza sarà stracolmo. La curiosità è femmina tifosa. Tutti felici e contenti, in apparenza. E anche con validi motivi per esserlo. Ricchezza significa potenza, specie nel mondo del pallone. E i nuovi padroni cinesi di soldi ne hanno da buttare. Almeno così sembra. E allora forza Milan e forza Inter. Odiata Juventus, stiamo tornando! Essì gli italiani sono fatti così. Viva il re di Francia e viva il re di Spagna purchè se magna. I milanesi no. E se pure sventoleranno le loro bandiere di appartenenza convinti che grazie ai cinesi le loro squadre, come è probabile, torneranno all’onor del calcio, nell'intimo soffriranno un poco per via di quelle loro dignità e appartenenza vendute al miglio offerente. Jannacci, Gaber, Viola, Bramieri e Prisco si ritroveranno per l’ora di pranzo. Ma, evitando di osservare sotto il cielo, andranno a fare una bella e ricca merenda tra le nuvole a base di riso allo zafferano e cotoletta impanata. Le bevande verranno offerte da Moratti e Rizzoli padri.
Marco Bernardini

Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Le più commentate
18:45
628
di M.D. e N.B.
ESCLUSIVO!
JUVE, SI SBLOCCA CANCELO! Ecco il retroscena dell'incontro a Milano
19/06
358
Milan choc, la UEFA pensa a due anni di esclusione dall'Europa: il club smentisce
15:50
321
Al Portogallo basta Ronaldo: 1-0 al Marocco, eliminato dal Mondiale
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.