Il Milan non vuole vendere Gigio Donnarumma. La dirigenza intera parte da questo presupposto; perché pur sapendo che il rinnovo del contratto a scadenza nel 2021 con un osso duro come Mino Raiola sarà tutt'altro che semplice, la scelta del Milan è di trattenere Gigio a fronte di offerte non così convincenti. In sostanza, all'entourage del giocatore è stato comunicato che 20 milioni più Alphonse Areola non è una proposta accettabile, anzi il portiere francese è una contropartita su cui al momento c'è stato un no secco.


I MESSAGGI AL PSG - Segnale chiaro al Paris Saint-Germain che ad ora non ha fatto alcuna nuova offerta ufficiale dopo quella di metà giugno rifiutata dai rossoneri che in quel momento l'hanno considerata per qualche giorno prima di rigettarla soltanto perché c'erano ancora problematiche di Fair Play Finanziario in caso di Europa League. Ora è cambiato lo scenario, non c'è fretta nella gestione delle cessioni e la valutazione di Donnarumma è ben più alta, se davvero da Parigi dovessero tornare sul portiere non basterebbero 50 milioni di euro. Insomma, il Milan ha ribadito a Raiola che quel prezzo sarebbe una base di partenza da aumentare, con 50 milioni non c'è volontà di cedere Gigio, serve uno sforzo superiore e senza Areola nel discorso. Messaggio a Leonardo che ha messo anche il nome di Donnarumma in lista per il dopo-cessione di Neymar. Ma il Milan ha le idee chiare: zero sconti, nessun regalo, scambi sì ma non con Areola. Il piano rossonero è proprio di tenersi stretto Gigio, con lui che ne sarebbe più che felice

Ascolta "Donnarumma tra Milan e PSG" su Spreaker.


GIOCA A FANTACALCIOMERCATO, il gioco più appassionante e divertente del web. 
Si può giocare solo su CALCIOMERCATO.COM e la partecipazione è GRATUITA. 
Basta essere registrati a Calciomercato.com e cliccare su fanta.calciomercato.com