Giovanni Galli ha concesso una intervista a Tuttosport nella quale si è soffermato anche su Stefano Pioli: "Tutte le volte che parlo di Stefano come uomo, scrivete Uomo con la lettera maiuscola, perché lui è questo, un Uomo. L’ho incontrato spesso a Bologna con la Fondazione intitolata a mio figlio Niccoló e lui è stato al nostro fianco, anche come testimonial. È un amico, oltre che un bravo allenatore. L'amicizia è una cosa molto seria e lui è davvero una delle persone da inserire nel novero. Straordinario. Ha educazione, intelligenza. In una parola è un esempio. E la tragedia di Astori ha rivelato ancor più tutto il suo essere speciale. Verrà accolto molto bene dai tifosi viola perché è sempre stato elegante e ricordiamoci che è stato l'unico tecnico che ha dato le dimissioni. E lo ha fatto nel momento in cui è stato ferito nella professionalità e serietà. Uomo fino in fondo. Con Firenze ha sempre avuto un senso di appartenenza. Entrerà in campo per il riscaldamento della sua squadra, anche per rompere subito il ghiaccio. Se entrasse in campo a inizio gara, sarebbe in confusione almeno per i primi 10 minuti di gioco".