Vorremmo mostrarti le notifiche per le ultime notizie e gli aggiornamenti.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.

Scorrendo la pagina o cliccando il pulsante "ho capito" acconsenti all'uso dei cookie e accetti la privacy policy.

Gattuso sbaglia tre volte: altro che Montolivo, doveva escludere Higuain!
Che brutto Milan! Che brutto calcio! La Fiorentina passa a San Siro (1-0 gol di Chiesa, fino a quel momento il peggiore tra i suoi) e Gattuso sotto la gogna della criticaÈ vero che gli mancava mezza squadra (Kessie e Bakayoko squalificati; Caldara, Biglia, Borini, Bertolacci, Strinic infortunati, mentre Bonaventura ha già finito la stagione), ma mettere un terzino, Calabria, a centrocampo è stata una scelta suicida. Sia perché Calabria non ha più il passo, né il piede per fare il centrocampista. Sia perché le sue corse sono state tutte verticali. Non che sia un male, in ultima analisi, ma se non ci si colloca quasi mai nella posizione corretta per ricevere palla e farla girare è un problema.

Ora, prima di schierare un terzino a centrocampo, bisogna pensarci bene. Ancor di più se un potenziale sostituto sta seduto in panchina, si chiama Riccardo Montolivo, ha 33 anni, è un centrocampista in grado di fare sia il centrale che l’interno, è stato capitano della squadra, ha giocato in Nazionale per la quale ci ha messo (e lasciato) le gambe, conosce bene il ruolo e i compagni.
Gattuso, alla vigilia, si è assunto la responsabilità della decisione sostenendo che “scelgo i giocatori per come si allenano e per come si comportano”, facendo capire che Montolivo non sia esattamente un modello di professionalità. Premetto che, se avesse voluto davvero far intendere una cosa del genere, non sarei per nulla d’accordo con l’allenatore. Ho conosciuto e conosco Montolivo abbastanza bene per poter affermare l’esatto contrario e cioè che è un calciatore serio, educato, responsabile e maturo. Penso anzi che, per evitare contenziosi pesanti, Gattuso e/o la società si siano visti costretti a reintegrare il giocatore che è sotto contratto, ma abbiano stabilito di comune accordo (o forse l’hanno deciso Leonardo e Maldini) di non utilizzarlo. I diaristi di Milanello, infatti, ci raccontano che Montolivo durante la settimana si allena con il gruppo ma poi, al momento della partitella, non vi partecipa e non certo per sua scelta. Se è così (e non ho ragione di dubitarne) è chiaro che Montolivo è come non averlo. E, aggiungo, è inutile anche portarlo in panchina perché al massimo avrà mezz’ora di autonomia.

Ma, ammesso anche che Calabria fosse una soluzione, non lo è stato certo schierare un Higuain in queste condizioni. L’argentino non è guarito dai problemi alla schiena, è lento nei movimenti e prevedibile nelle giocate. Ormai non sfugge più a nessuno e le sole cose che gli riescono sono le aperture di gioco quando scende tra le linee a prendere palla. Coraggio per coraggio (e per escludere Montolivo ce ne è voluto molto), allora sarebbe stato opportuno anche schierare Cutrone al posto di Higuain.

Ma l’errore più grave Gattuso l’ha commesso a ventitré minuti dalla fine, quando ha inserito Laxalt e Cutrone insieme. E se il ricorso al primo, ancorché in condizioni pietose, era giustificato dai crampi di José Mauri, il secondo avrebbe dovuto prendere il posto del centravanti argentino. A quel punto Castillejo sarebbe scalato a mezz’ala, con Calhanoglu in mezzo e Calabria sempre interno di destra. Invece passare dal 4-3-3 al 4-4-2 (Higuain e Cutrone davanti, Laxalt a sinistra e Suso a destra, con Calhanoglu e Calabria centrali) ha squilibrato il Milan che fino a quel momento, e anche dopo il gol di Chiesa, non aveva subito nulla. Così al 73’ Federico, il figlio di Enrico, ha preso palla sulla sinistra, ha saltato proprio Calabria che, inciucchito dal gran correre, non ha saputo opporre resistenza e di destro ha concluso dai 25 metri alla sinistra di Donnarumma. Gol alla Chiesa del giocatore che meno aveva fatto e più era stato richiamato da Pioli.

Prodezza decisiva perché il Milan si è fermato (84’) ad un colpo di testa di Rodriguez, deviato da Lafont sopra la traversa. Lo svizzero è stato tra i più positivi. Al 29’ del primo tempo, infatti, ha concluso di sinistro da fuori area e Lafont si è disteso deviando in tuffo. Aveva cominciato bene anche Calhanoglu (43’, salvataggio sulla linea di Milenkovic su tiro del turco a botta sicura), mentre Suso, ad inizio di ripresa, ha avuto l’occasione per un assist presumibilmente vincente. Invece, dopo aver saltato due avversari, ha tirato dalla linea di fondo sul primo palo dove Lafont non ha tradito.
Di Higuain si ricorda solo un colpo di testa (57’) su cross di Suso. Troppo poco per meritare una sufficienza.

La Fiorentina ha vinto senza osare. Non sono d’accordo con chi dice che ha condotto la partita più e meglio del Milan. Si è limitata difendersi e a controllare sperando in qualche soluzione estemporanea davanti (51’ Mirallas, poi sostituito da Gerson, in girata alta dopo cross di Benassi). Non ha rubato nulla, questo no, ma giocare proponendo calcio non è significa esercitare una marcatura a uomo con l’intento di pressare in avanti. Beppe Bergomi, spalla tecnica di Caressa, ha esaltato il tre contro tre difensivo (che alla fine è diventato cinque contro tre), ma in realtà non c’era nulla di spettacolare, né di innovativo (Gasperini lo fa da anni). I punti, però, sono come il danaro, non mandano cattivi odori. E con questi tre la Fiorentina è a ridosso del Milan, ora quinto. Insomma nella mischia per l’Europa spinge anche la squadra di Pioli.

IL TABELLINO

Milan-Fiorentina 0-1 (primo tempo 0-0)

Marcatori:
 28' st Chiesa (Fio)

Assist:

Milan (4-3-3): G. Donnarumma; Abate (Dal 38' st Conti), Zapata, Romagnoli, Rodriguez; Calabria, Mauri (Dal 22' st Cutrone), Calhanoglu; Suso, Higuain, Castillejo (Dal 22' st Laxalt).
Panchina: Reina, A. Donnarumma, Conti, Montolivo, Musacchio, Cutrone, Halilovic, Laxalt, Brescianini, Tsadjout. All. Gattuso.

Fiorentina (4-3-3): Lafont; Milenkovic, Pezzella, Vitor Hugo, Biraghi; Benassi (Dal 41' st Laurini), Veretout, Edmilson; Mirallas (Dal 16' st Gerson), Simeone (Dal 43' Pjaca), Chiesa.
Panchina: Dragowski, Laurini, Ceccherini, Norgaard, Eysseric, Santos Da Silva, Pjaca, Dabo, Olivera, Hancko, Vlahovic, Therea. All. Pioli.

Ammoniti: 32' pt Pezzella (Fio), 42' pt Vitor Hugo (Fio), 17' st Edmilson (Fio), 32' st Suso (Mi)
Giancarlo Padovan
Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Le più commentate
22/01
159
di Emanuele Tramacere
Piatek al Milan, tutte le cifre a bilancio: l'affare è sostenibile, almeno per ora
22/01
59
di Pasquale Guarro, inviato
Tonali: 'Mi ispiro a Modric, tifo Milan. Allenato da Gattuso? Sarebbe bello'
22/01
57
di Daniele Longo
MILAN, E' FATTA PER PIATEK A TITOLO DEFINITIVO: I DETTAGLI
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.