Spettatore d'eccezione domenica scorsa a "Marassi", l'ex trequartista del Genoa e oggi noto procuratore Oscar Damiani ha parlato ai microfoni di calciomercato.com dell'inizio di stagione dei rossoblù: "A parte Sassuolo, dove c'è stato un tracollo a livello difensivo ma dove si sono comunque segnati tre gol, la squadra secondo me si sta comportando bene. C'è un'identità di gioco, Ballardini ha fatto un buon lavoro e la campagna acquisti non è stata male. Ho visto la squadra in ritiro e anche nelle amichevoli estive e mi è subito piaciuta. Penso che si possa fare un buon campionato anche se, come sempre, ci sarà un po' da soffrire".

Attacco sugli scudi, difesa alla sbarra: è davvero così squilibrata la bilancia tattica dei rossoblù? "Bisognerà senza dubbio registrare un po' la difesa ma non penso che il Genoa dietro abbia grandissimi problemi, anche se nelle prime partite qualche gol di troppo è stato subito. Però il fatto di avere gli attaccanti che fanno gol è già una bella risorsa". L'uomo del momento in casa Grifone è senza dubbio Piatek. Che idea si è fatto di questo ragazzo? "A me aveva già molto ben impressionato nelle amichevoli estive. E' un ragazzo forte fisicamente che si muove bene. Credo che possa andare tranquillamente in doppia cifra: sarebbe un bel risultato per lui e per il Genoa".

Oltretutto ha dimostrato di saper far gol in tutto in modi. Lo considera un attaccante completo?: "Sì, anche perché sa giocare per la squadra e sa farla salire. In queste prime partite è stato ovviamente molto bravo. Adesso però si deve ripetere e non è una cosa sempre facile".