Vorremmo mostrarti le notifiche per le ultime notizie e gli aggiornamenti.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.

Scorrendo la pagina o cliccando il pulsante "ho capito" acconsenti all'uso dei cookie e accetti la privacy policy.

Genoa-Milan lunedì alle 15? Salvini, schiaffo ai tifosi veri: lo Stato si arrende
Il ministro muscolare, quello del “nessuno sbarchi, nemmeno un fanciullo”, si è arreso ai violenti da stadio. Perché non è in grado, lo stesso Salvini che mostra i bicipiti pur di lasciare le barche di migranti in mezzo al mare, di garantire la sicurezza per una partita di calcio in notturna. Dopo le indicazioni ferree del vicepremier, secondo cui le gare a rischio non si dovranno giocare con il buio, l’Osservatorio ha obbedito, anticipando Genoa-Milan alle 15 di lunedì 21 gennaio. E chi ci va alla partita, quel giorno e a quell’ora? Hanno svuotato lo stadio, insomma.

 

Eppure era stato proprio Salvini, all’indomani della guerriglia di Santo Stefano a Milano, ad annunciare che chiudere gli stadi era una sconfitta e non doveva succedere. Lui non l’ha fatto con un provvedimento punitivo che, quanto meno, avrebbe indotto alla riflessione; ha tolto la gente da Marassi semplicemente cambiando orario a una partita e collocandola quando i tifosi - ahiloro - sono al lavoro.

 

Una contraddizione imbarazzante: Salvini sostiene che i tifosi veri, quelli che seguono la loro squadra per passione e affetto, non devono essere penalizzati, e poi impone linee guida che vanno in senso esattamente contrario. E’ uno schiaffo alla gente perbene. E’ la resa dello Stato di fronte ai violenti: non siamo in grado di controllarvi, quindi penalizziamo tutti gli altri.

 

A questo punto, sarebbe stato meglio se si fosse continuato con il vecchio metodo: divieto di trasferta, e quindi di accesso a Marassi, ai residenti in Lombardia, o anche a chi arriva da fuori Liguria. In questo modo, i genoani sarebbero potuti andare allo stadio e i rossoneri - quanto meno - sarebbero riusciti a vedere la gara in tv. Così Genoa-Milan resterà una partita fantasma. Come lo Stato.

@steagresti
 


Stefano Agresti
Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Leggi anche...
10/01
75
Cori razzisti, Salvini: 'Il Napoli fa male a fermarsi, così vincono i deficienti'
10/01
Scontri festa Lazio, la DIGOS: 'La risposta ultras alle parole di Salvini'
08/01
5
La Uefa risponde a Salvini: 'La posizione espressa nel comunicato riflette la nostra posizione in tema razzismo'
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.