Dagli ombrelloni dei tifosi ai corridoi degli hotel di mercato. La domanda è solo una: quale sarà il futuro di Icardi? A meno di quindici giorni dal gong delle trattative, il futuro dell'argentino continua a essere un rebus. E le novità - rispetto alla rottura di febbraio e alle nette dichiarazioni di Marotta di inizio luglio - sono nulle. Lo scenario è molto chiaro: Conte non lo considera, lui forza per andare alla Juve. Dall'altra parte, però, Paratici deve prima pensare alle uscite. E proprio nelle cessioni sono riposte tutte le speranze di Mauro: per fargli spazio, occorre (come minimo) sfoltire l'attacco. 

ULTIMATUM NAPOLI - Le alternative si chiamano Napoli e Inter, con una doverosa postilla. Cadute le piste Monaco (dopo le parole di Wanda) e Roma (dopo il rinnovo di Dzeko), le ipotesi extra-Juve portano al club di De Laurentiis, disposto ad ogni tipo di sacrificio, ma non ad un'attesa infinita. A stretto giro di posta, infatti, dovrà arrivare la risposta del giocatore, che sembra preferire qualche mese da separato in casa nerazzurra al trasferimento in Campania

NUOVA CASA - Intanto, il futuro domestico si chiama ancora Milano. Il giocatore, tramite i propri profili social, ha mostrato la sua nuova casa, con vista su Porta Nuova e sulla nuova sede nerazzurra. Uno scatto che mostra l'attaccante pensieroso, mentre osserva un orizzonte al momento tutt'altro che definito. La certezza è che sulle spalle non vestirà più il numero 9, altra caratteristica di cui si è impossessato Romelu Lukaku, nuovo bomber e idolo dei tifosi. E l'ipotesi numero 7? Difficile. Uno scenario non confermato dall'Inter: nonostante Icardi l'abbia indossato in Nazionale, infatti, il numero è già prenotato. A nome e cognome Alexis Sanchez

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

My New Home is Coming . . #milan #italy #home

Un post condiviso da Μαυʀɸ Iϲαʀδι - MI9 (@mauroicardi) in data: