Non è stato solo il deus ex machina degli acquisti scelti, voluti, indicati. Antonio Conte ha anche contribuito alle strategia in uscita della nuova Inter. Perché le cessioni sono state un pilastro dell'ultimo mercato per tutti i top club, vendere per comprare è diventato il mantra delle big; Conte però ha voluto anche dire la sua a proposito di due pedine che ha trattenuto nella sua Inter nonostante sembrava che potessero davvero partire a fronte delle proposte giuste.


BLOCCATI DA ANTONIO - In primis, Conte ha frenato la trattativa ben avviata per Matteo Politano alla Fiorentina. Marotta e Ausilio avevano preparato la plusvalenza con 30 milioni di euro in tasca e l'investimento su Ante Rebic, poi passato al Milan; l'allenatore nerazzurro ha preferito tenere con sé Politano perché capace di adattarsi a un eventuale attacco a tre con Sanchez sull'altra fascia e Lukaku centrale, perché uomo di sacrificio, bravo nell'uno contro uno e ritenuto pronto al salto di qualità. Non solo, Conte ha pure bloccato ogni discorso col Parma per Alessandro Bastoni: il centrale classe '99 è stato richiesto con insistenza per il ritorno in maglia crociata dove sarebbe stato titolare fisso per un altro anno, Antonio lo vede bene però come unico difensore centrale mancino in rosa e ha chiesto esplicitamente di tenerlo con sé perché convinto che possa avere spazio anche nella sua Inter. 

Ascolta "Inter, le due cessioni bloccate da Conte" su Spreaker.