L'operazione Marko Pjaca rischia di finire in modo diverso rispetto a quanto preventivato. Perché in estate la Fiorentina ha versato 2 milioni alla Juventus, i bianconeri non contano più sul croato e sperano nel diritto di riscatto da 20 milioni complessivi. Eppure, le prestazioni sono pessime e 20 milioni sono una cifra importantissima per i viola che al momento non hanno intenzione di riscattare Pjaca né danno segnali in tal senso. In sostanza, il piano Pjaca sta seriamente saltando e sarà un epilogo inevitabile se non cambiasse il rendimento dell'ex Dinamo Zagabria. MAXI PROBLEMA - Se la direzione si confermasse questa, la Juve si ritroverebbe a giugno con Pjaca in casa a condizioni economiche problematiche, visto il valore in crollo durante l'annata a Firenze. Un rischio ritenuto molto concreto e che complica anche l'idea di opzione morale su Federico Chiesa che la Juventus sperava di ottenere dall'affare Pjaca con la Fiorentina; niente di scritto, solo un potenziale gentleman agreement che al momento non si è assolutamente concretizzato, nessuna promessa per Chiesa bianconero. Tutto ancor più complicato se Pjaca non verrà riscattato. Un effetto domino in negativo sull'asse Torino-Firenze...