Il gioco dell'asta è appena iniziato. Funziona così, specialmente in Portogallo dove spesso i pezzi pregiati vengono messi sul mercato con questo criterio. Ma Joao Felix è un gioiello vero, la Juventus lo sa e ha già avuto tre incontri con l'agente Jorge Mendes per entrare di prepotenza nella corsa che porta alla seconda punta portoghese classe '99, uno dei giovani con maggiore potenziale al mondo tanto che la clausola da 120 milioni sta per toccare quota 200, per stessa ammissione del presidente del Benfica, proprietario del suo cartellino. SI ENTRA NEL VIVO - Il numero uno del club lusitano è stato duro sulle cifre da record per la sua cessione; in realtà mira all'asta internazionale, per questo al fianco di Mendes ha fatto visita a Manchester CIty e Manchester United. Ma l'operazione è tutt'altro che chiusa, anzi: la Juventus si sente ancora nel vivo della trattativa per Joao Felix, prepara una prima offerta da formulare entro maggio che non toccherà minimamente i 100 milioni di euro e oltre richiesti dal Benfica. Un modo per capire la fattibilità dell'affare e per aprire un tavolo con i portoghesi, visto che anche Jorge Mendes insiste per la pista bianconera. Da Manchester sono attesi nuovi appuntamenti a breve giro, la Juve però c'è e la corsa è ancora apertissima. Joao sogna di giocare con Cristiano Ronaldo, ha lo stesso agente, sa che Paratici si è mosso. Così come lo sa bene il Benfica, tanto che il presidente in persona è stato a Torino in visita dalla Juve per parlarne. Con un'operazione che entro fine maggio sarà nel vivo, dalla Premier League le sirene stanno diventando concrete ma la Juventus c'è.