Altro che l'androide Betty di Blade Runner! Noi juventini, in questa sessione di mercato estivo, stiamo vedendo cose che non potevamo nemmeno immaginare: prima l’impensabile acquisto di Cristiano Ronaldo, adesso il possibile ritorno del figliol prodigo o traditore (dipende dai punti di vista) Leonardo Bonucci.

Entrambe le operazioni sono riuscite a cambiarci l’umore: quella di CR7 in positivo, l’altra in negativo. Anzi, diciamo pure che la seconda ci sta facendo davvero arrabbiare, e mica poco.

Iniziamo dicendo che,fino a pochi giorni fa, nessuno di noi - credo - avesse neanche minimamente preso in considerazione la possibilità che Bonucci, dopo appena una sola stagione al Milan, potesse tornare alla base. E nemmeno l’auspicavamo, considerato il modo in cui lo "spostatore d’equilibri" se ne era andato, sbattendo la porta, dopo essere arrivato quasi alle mani con l’allenatore ed aver litigato con parecchi compagni dello spogliatoio. Per non parlare delle tante dichiarazioni roboanti rilasciate al momento del suo sbarco trionfale a Milano, accompagnate pure da alcuni post pubblicati sui social non proprio simpatici nei confronti della Juventus, a cominciare da quello sul numero degli scudetti vinti da Madama. Il modo giusto per ruffianarsi la tifoseria milanista e chiudere a doppia mandata i rapporti con quella juventina. La stragrande maggioranza della quale oggi non lo vorrebbe assolutamente piu' rivedere allo Stadium con la maglia bianconera. Lui che, ai tempi,  andava talvolta ad assistere alle partite in curva sud, nella bolgia del tifo bianconero più caldo, e postava foto con didascalie tipo "Grande tra i grandi".

L'ultima volta che è transitato dallo Stadium ha festeggiato un suo gol andando a sciacquarsi la bocca sotto la nord: siccome il tifoso, per natura, possiede una memoria da elefante, adesso ricorda tutto e non lo rivuole.

Lui però insiste, ricontatta gli ex compagni, vuole tornare, perchè - cinese o amici americani che siano - la situazione societaria del Milan non gli piace, si è reso conto di aver fatto una colossale cretinata a sposarne un progetto di cartapesta e sta forzando la mano pur di andare via e tornare a Torino. Dove sarà disposto ad abbassarsi sensibilmente il mega stipendio, cospargersi il capo di cenere e chiedere scusa a tutti. Tifosi compresi, che al momento non stanno cedendo ai sentimentalismi e invitano la società a fare altrettanto.

Ma l'aspetto ancora più buffo di questa incredibile storia estiva sono le bizzarre modalità dell'operazione poste dal Milan per lasciare andare via Bonucci.

Solo un anno  fa il club rossonero pensava di aver centrato il colpo dell'estate, portandosi a casa uno dei migliori centrali difensivi continentali e, al tempo stesso, privato la Juve di uno dei suoi giocatori piu' forti. Errore: quella bianconera si è riconfermata come migliore difesa della Serie A, il reparto arretrato del Milan un colabrodo, nonostante Bonucci, investito del ruolo di leader rossonero con tanto di fascia di capitano e pagato come un super-top (8mln+ bonus).

Appena 12 mesi dopo, Bonucci pensa seriamente alla fuga e gli amici americani a liberarsi del giocatore per alleggerire i bilanci. E siccome Bonny avrebbe già preparato tutto per un suo rientro clamoroso alla Juve, il neo ds rossonero Leonardo architetta la 'furbata': accontento Bonny e mi faccio dare Caldara. Scambio alla pari, con valutazione concordata dei 2 giocatori sui 40 milioni.  Peccato ci sia un particolare non trascurabile: il Milan non abbia ancora finito di pagare le rate per l'acquisizione del cartellino dell'ex bianconero. Dei 42 milioni pattuiti la scorsa estate, ne restano da pagare ancora 28 (fonte, ultimo bilancio Juve alla voce "crediti"). 

Come può quindi il Milan chiedere uno scambio con Caldara non avendo saldato il proprio debito con la Juventus? Eppure sta provando a rivenderglielo, cercando pure di portargliene via uno più giovane di 6 anni e tra i più talentuosi nel ruolo in Italia. Magari pure con l'aggiunta di Higuain a prezzi di saldo. Dopodichè bisognerebbe, come minimo, internare Marotta per manifesta follia. Chiamasi "circonvenzione d'incapace", cosa che il DG bianconero non è. 

Bonucci vuole tornare alla Juve e il Milan liberarsene? L'operazione la si fa gratis, altrimenti se lo tengono e lo rivendono al miglior offerente. Perchè non si è mai visto al mondo che un debitore ponga condizioni ad un creditore. 

Altrimenti, ci arrabbiamo. Anzi, lo siamo già, e parecchio, soprattutto quando intuisci la fregatura. Assecondata pure da parte dei media: se torna Bonucci alla Juventus, Caldara quando gioca? Meglio darlo al Milan, magari anche solo in prestito con diritto di riacquisto (ipotesi finora esclusa proprio dagli amici americani). 

Caldara resta e impara. Da Chiellini, da Barzagli, da Benatia ed - eventualmente - pure da Bonucci. Se davvero tornerà. 

J sta per Juventus, non per Joe Condor.

GIOCA A FANTACALCIOMERCATO, il gioco più appassionante e divertente del web. Si può giocare solo su CALCIOMERCATO.COM e la partecipazione è GRATUITA. 
Basta essere registrati a Calciomercato.com e cliccare su fanta.calciomercato.com.