Vorremmo mostrarti le notifiche per le ultime notizie e gli aggiornamenti.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.

Scorrendo la pagina o cliccando il pulsante "ho capito" acconsenti all'uso dei cookie e accetti la privacy policy.

L'accusa: 'Nei settori giovanili vietano i dribbling e cacciano via i veri talenti'
Gentile Procuratore,

sono l'ennesimo papà (ne sono consapevole) che scrive per lamentarsi del trattamento ricevuto dal proprio figlio da parte del responsabile di un importante settore giovanile professionistico di serie A. Questi i fatti in sintesi: porto mio figlio all'allenamento (prova) e, dopo una prima parte di lavoro atletico, inizia la partitella. Sono in tribuna a godermi lo spettacolo: mio figlio fa giocate pazzesche, dribbling stretti, tiri da fuori area, rovesciate (ben 3 in mezz'ora), colpi di tacco e tanti altri numeri da giocoliere. Annoto sul mio taccuino: 3 gol realizzati e 5 assist. Sono al settimo cielo perché leggo negli occhi di mio figlio la felicità di aver fatto il miglior provino della sua vita. Dopo la doccia gli vado incontro e lo trovo raggiante, orgoglioso, sicuro di aver fatto bene. Nel frattempo mi si avvicina un responsabile tecnico della società e mi gela con questa frase: "suo figlio ha troppo estro per giocare in questa squadra". Argomenta che non ha qualità tattiche, che è troppo indisciplinato e individualista e chiosa così: "per diventare un calciatore deve limitare le giocate di fantasia, i dribbling e, soprattutto, i tiri da fuori frutto dell'istinto e non di un sistema di gioco. Il calcio è uno sport di squadra e i calciatori devono essere al servizio della squadra e non il contrario!". Mi stringe la mano, mi dà una pacca sulla spalla e si congeda da me con un "in bocca al lupo" che ha il sapore della beffa. In macchina al ritorno verso casa non ho avuto il coraggio di dire niente a mio figlio. Voglio aspettare il momento giusto per dirgli la verità che infrangerà il suo sogno. 

Come spiegare a mio figlio che il provino non l'ha superato perché troppo estroso? A chi mi devo rivolgere ora, visto che mio figlio è rimasto senza squadra e siamo già a metà settembre?

Mi chiamo Lauro e sono di Cosenza. Grazie per l'attenzione.
Gentile Lauro,

la sua lettera mi è arrivata nella notte con un messaggio
(che qui ho dovuto accorciare per ragioni di spazio) pieno di contenuti e riflessioni interessanti. Non conoscendo suo figlio (calcisticamente) non posso permettermi di esprimere un giudizio, positivo o negativo, su quanto da lei denunciato (non ero presente al provino per poter dare una valutazione obiettiva!). Un dato è, tuttavia, certo: nelle scuole calcio e nei settori giovanili di squadre dilettantistiche e professionistiche vengono sempre più tarpate le ali della fantasia (si vieta il dribbling, per esempio!) ai ragazzi dotati di estro e tecnica; e ciò in quanto le caratteristiche più ricercate dagli scout e dagli allenatori sembrerebbero essere diventate la struttura fisica e le c.d. capacità condizionali (forza, resistenza, velocità).

Non si corre il rischio così facendo di formare un esercito di grandi atleti e di pochi calciatori? La risposta agli utenti di calciomercato.com nella speranza che sul tema possa nascere un dibattito fervido di contenuti costruttivi per tutti, addetti ai lavori e non!

Per scrivere all'Avvocato Cataliotti utilizza lo spazio dedicato ai commenti, oppure vai su www.footballworkshop.it
Jean-Christophe Cataliotti

Kyappuccio calmati adesso, ho 50 anni pure io, non ho la laurea perche non potuto veramente permettermelo, ma mi dispiace di non averla. Detto questo ed essendo nel mondo del lavoro da oltre 30 anni, ti dico questo, spero che la ditta di Kaernten non ti abbia preso perche un Manager di 20 anni e' improponibile in qualsiasi tipo di azienda. L'istruzione serve quanto l'esperienza e l'abilita di un Manager e' proprio quella di saper amalgamare questi ingredienti per far si che il team renda al massimo. Si noi vecchietti abbiamo fatto qualche danno, come no, ma i tanti ingegneri bravissimi che avuto con me, ne avrebbero fatti molti di piu senza la mia esperienza, ed ancora oggi mi chiamano e mi ringraziano, perche quando hanno spiccato il volo volavano come aquile e non come passerotti. La mia esperienza gli ha dato sicurezza e conoscenza del lavoro reale, con quelle conoscenze adesso possono migliorare la realta lavorativa dai loro uffici perche sanno cosa costa fatica e cosa e' pericoloso. Quindi, tornando all'origine, chiudendo la polemica, in Italia si privilegia tattica e fisico alla qualita tecnica, nella maggioranza dei club e' cosi. Non in tutti e quindi il copnsiglio che do al papa in questione e' di andare dove storicamente si sono forgiati i talenti. Firenze, Bergamo, Udine e poche altre. Poi, per tutti, attenzione, come diceva Pino Daniele, ogni scarrafone e' bello a mamma sua. Si critica ma con equilibrio. Ciao e tanti auguri per il lavoro che spero tu abbia gia trovato.
Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Leggi anche...
11/09
Padre e figlio: non solo Cholo e Cholito VIDEO
10/09
2
Mercato, spunta il retroscena: la Lazio punta il figlio d'arte
09/09
240
di Jean-Christophe Cataliotti
ESCLUSIVO!
'Sono un padre di famiglia: con questi prezzi andare allo stadio è impossibile'
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.