L'effetto Cristiano Ronaldo sul mercato, un anno dopo. Il passaggio del portoghese dal Real Madrid alla Juventus nell'estate del 2018 ha scosso il mondo del calcio e lasciato presagire un effetto domino sui top player: aspettative disattese, perché esclusi colpi già chiusi in precedenza (Fabinho e Keita), i riflettori sono stati tutti per Alisson e Kepa, portieri ceduti a peso d'oro. Non sono mancati trasferimenti ad effetto, come quello di Higuain al Milan o quello di Cancelo in bianconero, ma sono rimasti cristallizzate le posizioni dei super-big del pallone: botti rimandati, ma ad un anno di distanza l'affare CR7 fa sentire il suo effetto e l'estate del 2019 promette fuoco e fiamme.

BIG IN FUGA - Una lunga lista di movimenti eccellenti, alla quale si sono già iscritti tre pezzi da novanta. Eden Hazard ha chiesto ufficialmente la cessione al Chelsea, lo attende il Real Madrid che per fargli spazio è pronto a sacrificare Gareth Bale: la rottura tra 'Mr. 100 milioni' e Zidane è totale, escluso dalle rotazioni e messo alla porta dal club; pressoché impossibile vederlo in Italia o ancora in Spagna, per lui si prospetta un ritorno in Premier o potrebbero aprirsi le porte della Bundesliga (Bayern Monaco) e della Ligue 1 (PSG). E a Madrid, sponda Atletico, un altro big saluta: Antoine Griezmann lascia l'Atletico e questa volta dice sì al Barcellona, scottato l'anno scorso dal rifiuto arrivato via documentario tv (prodotto dal blaugrana Piqué) ma ugualmente pronto a investire 120 milioni di euro per il francese. Un elenco già così ricco (oltre 300 milioni), ma destinato ad accogliere nuovi nomi prestigiosi.

PARIGI TREMA - L'ultimo ad aggiungersi alla lista dei possibili botti dell'estate è Kylian Mbappé, perché la sua frase sibillina ("Potrebbe essere arrivato il momento di avere più responsabilità, qui a Parigi mi farebbe piacere, ma magari anche da un'altra parte") ha allarmato e non poco il PSG: l'addio un'ipotesi estremamente remota, con il club prodigatosi immediatamente a ribadire l'incedibilità del classe '98, ma i tifosi sono comunque preoccupati da una realtà che stenta a fare il salto di qualità definitivo in Europa e, quindi, rischia di avere minor appeal per i migliori al mondo. E se a Parigi continuano i mormorii sul malcontento di Neymar, anche lui tentato dal ritorno in Spagna per gli eterni rivali del Barça, il Real dei suoi grandi estimatori Zidane e Florentino Perez, non bisogna sottovalutare la situazione del terzo componente del trio offensivo: il contratto di Edinson Cavani scade nel 2020, il suo agente non chiude la porta a un addio e l'Atletico ci pensa per sostituire Diego Costa. E a Napoli il sogno di un suo ritorno non è mai del tutto sopito. QUANTI INTRIGHI - Londra (attenzione anche alla posizione di Eriksen al Tottenham, Higuain più vicino alla permanenza al Chelsea), Madrid e Parigi, tre delle principali capitali europee al centro di intrighi di mercato internazionali. E non finisce qui, perché anche a Manchester c'è elettricità nell'aria. Lo sa bene lo United, perché Paul Pogba è un caso aperto: il Real preme, la Juve pensa al ritorno, Raiola ascolta tutte le proposte ed è pronto a muoversi in qualsiasi momento. E non è il solo a poter lasciare i Red Devils in estate: rebus David de Gea, Romelu Lukaku è ai saluti e sogna l'Italia, dove l'Inter potrebbe farne il nuovo centravanti di Conte. Sempre a Manchester, Leroy Sané medita la fuga dal City di Guardiola. Più tranquilli invece a Liverpool, i Reds sono convinti di poter trattenere il trio delle meraviglie Mané-Firmino-Salah e non solo, l'idea è di regalarsi un altro colpo: tra i nomi che circolano c'è pure, clamorosamente, quello dell'ex Coutinho, flop a Barcellona, sul quale si muove anche lo United

E IN ITALIA... - E la Serie A? Non resta indifferente ai rumors e anzi, mette sul piatto pezzi pregiati per il prossimo mercato. Napoli sotto assedio per i suoi big, Kalidou Koulibaly (United) ad Allan (vecchio pallino PSG) fino a Lorenzo Insigne, la cui situazione è ancora tutta da definire: Simeone lo studia per il dopo Griezmann e non è il solo osservato speciale dei Colchoneros in Italia. Il Cholo infatti ha nel mirino anche due connazionali: Paulo Dybala e Mauro Icardi. La Joya "'non è felice alla Juve" come ha dichiarato il fratello-agente e può lasciare, ma l'annunciato addio di Allegri può rimescolare le carte in tavola. Discorso diverso per quanto riguarda l'ex capitano dell'Inter, il cui futuro non dipende da quello della panchina: Icardi ha dichiarato di voler restare, ma la società nerazzurra è sempre più intenzionata a trovare una soluzione per la cessione, che permetterebbe di realizzare un'importante plusvalenza per avviare il nuovo progetto tecnico. Il Milan aspetta l'esito del campionato e le sanzioni Uefa, con la ferma intenzione di trattenere i due big Gianluigi Donnarumma e Alessio Romagnoli mentre l'Atalanta rischia fortemente di perdere Josip Ilicic, in trattativa con il Napoli. Estero e Italia, le premesse ci sono tutte: l'estate 2019 promette fuoco e fiamme per il mercato dei big.

@Albri_Fede90