Vorremmo mostrarti le notifiche per le ultime notizie e gli aggiornamenti.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.

Scorrendo la pagina o cliccando il pulsante "ho capito" acconsenti all'uso dei cookie e accetti la privacy policy.

L'ultima impresa di Lotito, Cellino e compagnia: hanno cancellato la Serie B

La Serie B è cominciata: qualcuno se n’è accorto? Se siete tifosi di una delle 19 squadre che sono rimaste in corsa, forse sì; altrimenti, probabilmente no. Il motivo? Nello sfascio totale del nostro calcio, che compra Cristiano Ronaldo ma è incapace di amministrare tutto quello che c’è sotto la patina dorata, la Lega di B si è adoperata per oscurare “il campionato degli italiani” (così ancora lo chiamano).

 

Guidati e ispirati da Lotito e Cellino, che hanno in mano Salernitana e Brescia, i proprietari dei club e il presidente Balata hanno dato il via all’operazione insabbiamento. Così, dopo stagioni nelle quali la B aveva ottenuto notevole visibilità cercando in ogni modo di smarcarsi dalla A, le prime giornate sono state distribuite in modo tale da nascondere le partite dietro quelle di CR7, Higuain e Icardi. Non ci credete? Seguiteci.

 

Prima giornata, scorso week end: tre partite sabato alle 18 (in contemporanea con Juve-Lazio); una domenica alle 18 (c’era anche Spal-Parma, e vabbè); tre domenica alle 21 (assieme a sei gare di A, addirittura); una lunedì sera (con Roma-Atalanta). Solo l’anticipo del venerdì non era offuscato da incontri più importanti.

 

Seconda giornata, prossimo week end: una partita venerdì sera (in concorrenza con Milan-Roma); quattro sabato alle 18 (con Parma-Inter); una domenica alle 18 (con Fiorentina-Udinese); tre domenica sera (ci sono le solite sei gare di A). Stavolta percorso netto: nessun incontro di B corre da solo.

 

Non sappiamo se e quanto la programmazione delle partite sia decisa in base alle indicazioni di Dazn che deve trasmetterle, di sicuro la Lega di B non ha fatto nulla per salvaguardare l’immagine del proprio torneo. L’auspicio è che si sia trattato solo di una falsa partenza, ma non ne siamo sicuri. Tutt’altro.

 

Quel campionato non aveva mai avuto tanta visibilità come quando si era ritagliato uno spazio pressoché esclusivo: si era scelto il sabato alle 15 e aveva funzionato. Adesso, finito il ciclone estivo, gran parte delle gare verrà concentrata - a quanto pare - la domenica pomeriggio, in concomitanza con tre o quattro incontri di A (il sabato alle 15 ce ne sarà invece solo uno).

 

Cambiare per il gusto di farlo, non per migliorare: così provano a cancellare l’ex campionato degli italiani.

@steagresti
 


Stefano Agresti
Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Le più commentate
22/01
159
di Emanuele Tramacere
Piatek al Milan, tutte le cifre a bilancio: l'affare è sostenibile, almeno per ora
22/01
59
di Pasquale Guarro, inviato
Tonali: 'Mi ispiro a Modric, tifo Milan. Allenato da Gattuso? Sarebbe bello'
22/01
57
di Daniele Longo
MILAN, E' FATTA PER PIATEK A TITOLO DEFINITIVO: I DETTAGLI
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.