La buonanotte è un figlio. Il più grande regalo del creato. Non bisogna sprecarlo. Un figlio è la sintesi di tutto ciò che padre e madre gli hanno trasmesso. Il mestiere di genitore è complicatissimo. Occorre possedere e insegnare valori universali solidi e onesti. Può non bastare. Allora saranno gli esempi a contare. Perchè i figli, fin da neonati, ci osservano.

Cristiano Junior, il primogenito del campione portoghese della Juventus, è un ragazzino fortunato. A otto anni, allevato dal papà al quale manca nulla, può avere tutto e di più. Anche troppo. Lo sa bene CR7 il quale, tornato Lisbona insieme con lui, lo ha portato a visitare i luoghi della sua gioventù quando ancora non era l’extraterrestre. Così il ragazzino ha potuto vedere dove abitava il padre prima di diventare famoso. Una fatiscente pensione nel quartiere meno nobile della città. “Ma davvero tu vivevi qui?”. Ha chiesto il figlio al padre con stupore. E CR7 gli ha risposto che si sentiva orgoglioso per aver condiviso con gente semplice una fetta importante della sua vita.

Anche i figli dei ricchi e dei potenti devono sapere che si parte sempre dal basso. Naturalmente se un genitore glielo spiega. Ronaldo lo ha fatto. Un capolavoro di gol. Il suo più bello. Buonanotte e fate sogni colorati.

 
Ascolta "Nel nome del figlio, Ronaldo ha segnato il suo gol più bello" su Spreaker.