Vorremmo mostrarti le notifiche per le ultime notizie e gli aggiornamenti.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.

Scorrendo la pagina o cliccando il pulsante "ho capito" acconsenti all'uso dei cookie e accetti la privacy policy.

La Roma è una barzelletta: cade ancora e accontenta i giocatori, stop al ritiro

La Roma non è una società: è una barzelletta. Solo che non fa ridere nessuno, tanto meno i tifosi. L’ultima prodezza di un club chiaramente allo sbando (tra il caos per lo stadio, un presidente che è confinato a Boston, Baldini che comanda da Londra, campioni come Salah e Alisson che se ne vanno e altre amenità del genere) riguarda il provvedimento del ritiro. I dirigenti lo hanno preso all’indomani dello scempio di Cagliari, un vantaggio di due gol buttato in pochi minuti, la rete del 2-2 incassata contro un avversario più scarso e ridotto in nove. Doveva essere un segnale, il ritiro: la squadra non funziona, stia chiusa nel centro sportivo di Trigoria a meditare sui propri errori fino alla cruciale partita di domenica sera con il Genoa.

 

Ieri sera i giallorossi hanno aggiunto un’altra nefandezza al loro triste percorso, perdendo contro il Viktoria Plzen, che non è proprio il Real Madrid o il Manchester City. Ci aspettavamo che la rabbia di chi comanda aumentasse, che ci fosse un’altra strigliata alla squadra, che arrivasse un nuovo segnale a indicare che così non va e non può andare. Tanto che, quando nella tarda serata di ieri abbiamo appreso che la Roma stava meditando di sospendere il ritiro e l’abbiamo riferita a osservatori neutrali, ci hanno guardato in faccia come fossimo pazzi: ne hanno persa un’altra, e in questo modo, figurarsi se premiano i giocatori.

 

Invece, così è andata: da oggi tutti a dormire a casa. Ve lo siete meritati con l’impegno, il gioco e i risultati. E pensare che la dirigenza è - anzi ha la presunzione di essere - un modello: Pallotta e Baldini, Baldissoni e Monchi (c’è anche Totti, ma lui non conta, lo hanno buttato in un angolo). Tante teste per partorire questo brillante risultato.

 

Una barzelletta, già. Una tristissima barzelletta.

 

@steagresti

 

 


Stefano Agresti
Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Le più commentate
22/01
159
di Emanuele Tramacere
Piatek al Milan, tutte le cifre a bilancio: l'affare è sostenibile, almeno per ora
22/01
59
di Pasquale Guarro, inviato
Tonali: 'Mi ispiro a Modric, tifo Milan. Allenato da Gattuso? Sarebbe bello'
22/01
57
di Daniele Longo
MILAN, E' FATTA PER PIATEK A TITOLO DEFINITIVO: I DETTAGLI
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.