Maccio Capataonda, attore comico, parla a Radio Incontro Olympia: "Da qualche mese ho cambiato, prima ero dell’Inter, ora sono juventino. Mi ero affezionato all’Inter quando c’era Trapattoni, ho passato l’epoca di Ronaldo e Vieri, poi quella di Mourinho. Ora la squadra non mi convince. La squadra è fatta di persone, se quelle persone non esistono più, che senso ha continuare a tifarla? Adesso tifo Juve perché c’è Ronaldo, mi sono appassionato a lui. È stata una scelta provocatoria per dire che uno debba avere il diritto di cambiare idea. Un po’ come quello di trasferirsi da Milano a Roma. È il passaggio da due tifoserie opposte, agli antipodi. Quello era il mio desiderio. E se poi me ne pento? Posso sempre tornare a essere interista. Poi è anche vero che la fede fa un po’ parte dell’individuo, è nel cuore. L’interista un po’ ce l’ho dentro, è un modo di essere e di affrontare la vita con quella paura di perdere". TRA LE CAPITOLINE? - "Non lo so, la Lazio non l’ho mai seguita più di tanto, la Roma un po’ di più. Ma il calcio lo seguo veramente poco, per questo posso mi posso permettere di cambiare squadra. Ora che abiterò a Roma, dovrò scegliermi anche la squadra di casa. Oppure sceglierò chi tifare nel golf… Un saluto, forza Juveinter!".