Sarebbe il soggetto perfetto per un film. Una storia che piacerebbe perché capace di incantare, sorprendere, tenere in ansia e anche commuovere. Una vicenda che scorrerebbe sul filo della realtà alternata alla fantasy, con l’aggiunta di quel pizzico di magia che non guasta mai. La vita e le opere di due ragazzi che si incontrarono sul un campo di calcio di una città di mare e che non si lasciarono più, almeno emotivamente, trasformandosi da colleghi e amici in fratelli.

CONTINUA SU ILBIANCONERO.COM