Vorremmo mostrarti le notifiche per le ultime notizie e gli aggiornamenti.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.

Scorrendo la pagina o cliccando il pulsante "ho capito" acconsenti all'uso dei cookie e accetti la privacy policy.

Mercato a gennaio: tutti chiudono il 31, l'Italia il 18. Che senso ha? Cambiamo...

L’Italia del calcio viaggia fuori dall’Europa. Ce l’hanno spinta il commissario straordinario e il Coni, i quali in pochi mesi ne hanno combinate di tutti i colori, un po’ per superficialità e soprattutto per ascoltare questo o quel presidente potente. 

Prendete le date del calciomercato. Visto che tanti chiedevano di chiudere le trattative prima che le squadre cominciassero il campionato, il decisionista Malagò ha stabilito che la sessione estiva terminasse alla vigilia dell’inizio della A (il 17 agosto) e che quella invernale si esaurisse prima della ripresa dell’attività dopo la sosta (il 18 gennaio).

Già in estate abbiamo avuto qualche difficoltà, perché - Inghilterra a parte - tutti gli altri grandi paesi hanno tenuto le trattative aperte fino alla fine del mese. Così è successo, ad esempio, che la Roma (di cui Malagò è tifoso…) abbia ceduto Strootman al Marsiglia quando non poteva più sostituirlo, perché in Francia il mercato era aperto e in Italia non più. A gennaio potrebbe andare pure peggio

Tutto il resto d’Europa, infatti, chiuderà il mercato il 31 gennaio, a parte rare e irrilevanti eccezioni di paesi che si spingeranno perfino oltre la fine del mese. Questo determinerà una situazione surreale, quasi insensata. Mentre attorno a noi le nostre rivali in Champions ed Europa League continueranno a lavorare per rafforzarsi, noi potremo solo guardarle. 

Dov’è il vantaggio che avranno le concorrenti delle squadre italiane? Un esempio, semplice semplice: se al Barcellona o al Manchester City si infortuna un giocatore importante il 25 gennaio, possono sostituirlo; la Juve e l’Inter o il Napoli, invece, devono rimanere con quella lacuna. Sempre che non si creino nuovi casi Strootman, con calciatori importanti che chiedono di andarsene all’ultimo momento e club che non se la sentono o non sono in grado di frenarli, salvo non essere nelle condizioni di rimpiazzarli a causa del mercato chiuso. 

Tutto sbagliato, tutto surreale. Ma davvero non si può intervenire per riequilibrare questa situazione? Siamo sicuri che non si possa rientrare in Europa, chiudendo anche noi il mercato il 31 gennaio? Il tempo (forse) c'è ancora. 

@steagresti
 


Stefano Agresti

Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Le più commentate
09/12
213
Milan, Leonardo: 'Ibrahimovic non arriverà. Studiamo l'affare Fabregas'
09/12
135
di Marcello Chirico
ESCLUSIVO!
Icardi non vale mezzo Ronaldo: Inter, anche quest'anno vinci il prossimo...
08:30
91
Icardi al Bernabeu per River-Boca: Inter imbarazzata, tifosi infastiditi
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.