E' tornato in gruppo il giorno in cui Stefano Pioli è diventato il nuovo allenatore del Milan. Un nuovo inizio per il tecnico, un nuovo inizio anche per Mattia Caldara. Troppo brutta la scorsa stagione per essere vera: 90 minuti in Europa League contro il Dudelange, 65 contro la Lazio nella semifinale di ritorno di Coppa Italia. Poi tanti infortuni e il crociato che fa crac. Ora inizia un nuovo capitolo in rossonero, per tutti. E anche per l'ex Atalanta. 

CON MUSACCHIO - Oggi il Milan ha chiuso la settimana di lavoro con una partita di un'ora (divisa in tre tempi da 20') contro la Primavera: vittoria per 4-0 (tripletta Brescianini e gol di Borini) e Caldara in campo per tutto il match. Nella linea a 4 provata da Stefano Pioli, l'ex difensore della Juventus è stato schierato davanti a Reina al fianco di Musacchio, con Conti e Theo Hernandez sulle fasce. Una partita per riprendere confidenza col campo e col pallone, una partita per recuperare il tempo perso e studiare la linea a 4 di Pioli.  GLI OCCHI DI MALDINI - All'allenamento presenti anche il direttore sportivo Massara e il direttore tecnico Maldini, che gli è stato vicino sin dal primo giorno dopo il suo problema fisico. L'ex capitano rossonero vede in Caldara il partner perfetto di Romagnoli e il futuro della difesa milanista. "Finalmente siamo usciti da un tunnel che sembrava infinito e ora tocca a te, zittire chiunque ricordando quanto vali" le parole, invece, della sua dolce metà, Nicole Nessi, affidate Instagram nei giorni scorsi. Tutti aspettano Caldara, il Milan, i tifosi, Maldini e la bella Nicole. La sua ora in campo sta per scoccare.