Vorremmo mostrarti le notifiche per le ultime notizie e gli aggiornamenti.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.

Scorrendo la pagina o cliccando il pulsante "ho capito" acconsenti all'uso dei cookie e accetti la privacy policy.

Milan, cedere Higuain è una follia: solo col Pipita la Champions è possibile
Gonzalo Higuain è un articolo da maneggiare con cura. Trattasi di campione, una specie comune a Milanello qualche anno fa, ma attualmente in via d’estinzione. Attualmente di esemplari ne abbiamo due, forse 3, e uno è proprio il Pipita. Sicuramente dei 3 è quello con più titoli, più esperienza e numeri che parlano da soli per lui e per la sua carriera. Soprattutto in Italia. Dai tempi di Ibra il Milan non aveva un numero 9 di questa portata, un potenziale trascinatore, un punto di riferimento. Se da quest’estate si parla di “obiettivo Champions League” è solo grazie all’arrivo di Higuain che negli ultimi anni è stato il miglior centravanti della Serie A. Non a caso ha giocato nelle prime due squadre della categoria. Il Milan da anni veleggia tra il sesto e l’ottavo posto. Se al posto di Higuain fossero rimasti gli attaccanti acquistati dalla coppia Fassone-Mirabelli, non avremmo puntato alla zona Champions League, ma nella migliore delle ipotesi alla zona Europa League. Ergo: se perdiamo Higuain possiamo dimenticarci anche quest’anno non solo di entrare in Champions League, ma anche di lottare fino alla fine con le due romane per centrare il quarto posto.

Per questa ragione Gattuso e Leonardo devono fare di tutto per “non perderlo”. Cederlo adesso sarebbe una follia e significherebbe gettare alle ortiche l’ennesima stagione. Anche perché a gennaio e con gli attuali limiti economici un sostituto del Pipita sarebbe introvabile. Ma quando dico “non perderlo” non significa solo “non cederlo”,  ma anche non escluderlo dal progetto. Non farlo demotivare. Non tagliarlo fuori. L’effetto di un Higuain demotivato in partita e soprattutto in allenamento lo abbiamo già visto durante il mese della squalifica: scrivo “mese” perché le due settimane imposte dal giudice sportivo si sono sommate alle due delle nazionali, il che ha prodotto 30 giorni di allenamenti blandi dell’argentino e di conseguenza una condizione atletica a dir poco imbarazzante.
Ecco, questo è tutto quello che bisogna evitare se vogliamo avere Higuain carico, motivato e al centro del progetto. In questo senso le bacchettate di Gattuso e soprattutto Leonardo forse non sono state proprio il metodo migliore per avere il 100% dal Pipita. L’obiettivo deve sempre essere il “bene” del Milan e per il bene del Milan serve un Higuain al 100%. A qualsiasi costo. Non ci sono alternative. Un tempo, se era demotivato Ronaldinho o Pato, avevamo Cassano, Ibra, Robinho ecce cc. Oggi abbiamo solo Higuain. Teniamocelo stretto.
Cristiano Ruiu

Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Le più commentate
21/01
1
di Nicola Balice, inviato a Torino
Juve-Chievo, le pagelle di CM: Emre Can domina, Ronaldo stavolta stecca
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.